MARTINA FRANCA – Mitri, ma anche Chiarini, Tassone e Ciminari. Questi i papabili assenti tra le file del Martina per l’impegnativa trasferta di San Benedetto del Tronto. Pure ieri infatti gli ultimi tre citati non hanno preso parte agli allenamenti, essendo alle prese con noie di carattere muscolare. A Orazio Mitri, invece, come sappiamo, è stato il Giudice Sportivo di terza serie ad imporre lo stop per un turno. Sarà un’assenza pesante per l’undici biancazzurro; il centrocampista di Campobasso infatti, tornato in valle d’Itria, via Manfredonia, lo scorso gennaio, ha dato un fondamentale contributo alla rinascita della squadra allenata da mister Trillini (nonostante non abbia segnato ancora un gol), arrampicatasi, giornata dopo giornata, dall’ultimo al sest’ultimo posto. Potere dei 25 punti racimolati nello splendido girone di ritorno.
L’entourage pugliese rimugina ancora sull’espulsione di Mitri, non solo perché al cospetto del Napoli l’episodio ha letteralmente cambiato la partita (Narciso e soci vincevano 1-0), ma soprattutto per l’handicap cui la squadra biancazzurra andrà incontro domenica prossima quando se la vedrà con la Samb. E’ apparsa fin troppo fiscale la decisione dell’arbitro Herberg di spedire negli spogliatoi il centrocampista molisano, ammonito due volte nello spazio di poco più di un minuto, prima per proteste e poi per un presunta simulazione in area di rigore napoletana. Si mastica amaro dunque in casa biancazzurra, ma tant’è.
Un altro motivo di preoccupazione riguarda il momento poco felice che il bomber della squadra – nonché vice-capocannoniere del girone B con quattordici reti all’attivo – William Da Silva sta attraversando. Sebbene l’ultimo gol (su rigore) risale ad appena due domeniche fa, in occasione della disgraziata trasferta di Pesaro, l’attaccante brasiliano non segna su azione dallo scorso 6 febbraio, quando la sua marcatura illuse i pugliesi di poter sbancare il ‘Bruno Recchioni’ di Fermo.
Nonostante Sauro Trillini si sia affrettato ad affermare che si è trattata di scelta tecnica, domenica scorsa, contro il Napoli, Da Silva si è inizialmente accomodato in panchina per poi entrare negli ultimi venticinque minuti di gara e gettare alle ortiche qualche buona palla gol. Al suo posto, fiancheggiato da Mitri, ha giocato Manca. L’ex Teramo ha disputato una buona gara, reggendo praticamente da solo l’intero peso del reparto offensivo. La sua candidatura per domenica appare probabile, ma mancando Mitri potrebbe esserci spazio per lo stesso Da Silva, anche se è ancora presto per addentrarsi in simili congetture. Meglio magari aspettare la partitella in famiglia di oggi pomeriggio, nella quale di certo mister Trillini lascerà trapelare indicazioni in merito alla compagine che potrebbe schierare al ‘Riviera delle Palme’. Si riparte dal punto ottenuto domenica scorsa contro il blasonato Napoli Soccer. Come dire: a piccoli passi verso la salvezza.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 346 volte, 1 oggi)