CUPRA MARITTIMA – La Pro Loco di Cupra Marittima si è ricostituita circa due anni fa, ed è il presidente, l’ing. Ennio Sanguigni che, in un breve colloquio, ci ha informato di un’importante novità: “Da Febbraio 2005 siamo entrati nel Consiglio provinciale dell’U.N.P.L.I., è un’importante riconoscimento al lavoro svolto finora. L’UNPLI, Unione Nazionale Pro Loco d’Italia, è l’unica associazione di riferimento attualmente esistente a livello nazionale?. L’UNPLI rappresenta svariate migliaia di Pro Loco in Italia e si adopera affinché queste associazioni no profit abbiano sempre un punto di riferimento cui rivolgersi nella loro crescita come enti turistici, oltre al giusto riconoscimento che meritano ai vari livelli Nazionale Regionale e Provinciale.
L’adesione all’UNPLI consente alle Pro loco di avere diversi vantaggi come aprire Circoli UNPLI, ottenere per le Pro Loco l’estensione di alcune delle agevolazioni previste inizialmente previste solo per le Associazioni Sportive Dilettantistiche, inoltre una convenzione firmata con la SIAE – settore musica – permette alle Pro Loco un abbattimento dei diritti d’autore dovuti, per qualsiasi tipo di manifestazione, convenzioni sono state firmate dall’UNPLI anche con l’ENEL e con la Universo Assicurazione.
L’ing. Sanguigni ad una nostra domanda sulle iniziative per la prossima stagione estiva ha risposto: “confermiamo le iniziative dello scorso anno, a partire proprio da fine maggio con la seconda edizione della Festa Nazionale ‘C’era una volta… il pane’, che riunisce panettieri da tutta Italia e svolge un’importante opera di educazione alimentare?.
La Festa Nazionale ‘C’era una volta… il pane’ oltre che dalla Pro Loco è organizzata dal Comune di Cupra Marittima e dalla FIPPA (Associazione Panificatori Artigiani di Ascoli Piceno) ed avrà luogo nelle giornate di sabato 28 e domenica 29 Maggio e sabato 4 e domenica 5 Giugno.
La festa vuole portare l’attenzione su uno dei pilastri della dieta mediterranea e sui problemi derivanti da una alimentazione scorretta, e si propone anche di raggiungere i seguenti obiettivi: “riscoprire e valorizzare la cultura del pane, promuovere la conoscenza sociale e alimentare del pane e favorire una riflessione critica sulle tematiche ambientalistiche per educare al rispetto della natura e del paesaggio, educare ad una corretta alimentazione, valorizzare e salvaguardare l’artigianato del pane, favorire momenti d’aggregazione sociale, promuovere un indotto artistico-culturale ed economico. Il progetto mediante un percorso formativo curato da esperti della panificazione e dell’alimentazione di fama nazionale e internazionale, mira anche ad incentivare lo scambio di conoscenze con gli altri paesi e con altre Regioni d’Italia.?

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 981 volte, 1 oggi)