ASCOLI PICENO – L’Associazione degli Industriali della provincia ha informato le aziende interessate che sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea (GUUE) di venerdì 29 Aprile 2005, è stato pubblicato l’avviso di apertura dell’inchiesta di salvaguardia relativa alle importazioni di alcuni prodotti tessili dalla Cina.
L’informativa tende a precisare che nell’avviso la Commissione, evidenziando l’abnorme crescita delle esportazioni cinesi di alcuni prodotti tessili sul Mercato Unico, informa che tale fenomeno giustifichi l’apertura di un’inchiesta per verificare se esistono i motivi per l’applicazione delle misure di salvaguardia speciale.
Ai fini dell’inchiesta in corso, Assindustria ha invitato le aziende a comunicare, per il successivo inoltro alla Commissione, entro il 20 Maggio tutte le osservazioni ed informazioni utili per l’inchiesta finalizzata a dimostrare il danno che l’abnorme crescita delle esportazioni tessili cinesi sta arrecando all’industria europea, sia in termini economici che sociali e, nello specifico, concorrenza sleale, dumping, sottrazione di ingenti quote di mercato, diminuzione della produzione e distruzione di capacità produttiva, riduzione di manodopera.
La Commissione sentirà anche i produttori di paesi terzi, come ad esempio le imprese europee delocalizzate nell’area mediterranea, tradizionali esportatori sul mercato europeo, per verificare il danno ad essi arrecato.
Se a conclusione dell’inchiesta – prevista per il 21 giugno 2005 – la Commissione dovesse ritenere che esistono i presupposti per l’adozione delle misure di salvaguardia speciale, informerà il Comitato Tessili e deciderà se avviare le consultazioni formali con la Cina.
Le aziende interessate a formalizzare segnalazioni relative all’argomento possono prendere diretto contatto con l’Area Impresa & Internazionalizzazione di Assindustria Ascoli Piceno per essere concretamente supportate in questa importante problematica.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 480 volte, 1 oggi)