SAN BENEDETTO DEL TRONTO – E’ festa. La Cuprense può finalmente celebrare il titolo con il conseguente passaggio in Promozione dopo mesi di tensioni e scarsi risultati. Gara perfetta quelli che i gialloblu hanno stravinto con l’Acqusanta. Un rotondo 3-0 grazie alle reti di Marino, Gabrielli e Lucidi che consegna alla squadra del tecnico Clerici la medaglia d’oro per questa esaltante stagione.
“Non siamo finiti? aveva detto la settimana scorsa mister Izzotti e l’1-0 ottenuto sul difficile campo del Todi ne è la conferma. Il Grottammare, così, torna in corsa per i play off ma deve stare attento almeno a cinque avversarie che gli sono alle costole.
Seppur in compagnia di Acquasanta e Ripatransone, il Porto d’Ascoli dopo la salvezza prenota un posto promozione grazie al poker rifilato al Comunanza. Un 4-1 ineccepibile sia sotto il profilo del gioco che psicologico in cui i biancocelesti hanno dimostrato che il campionato non è ancora finito fissando per sabato prossimo la conquista della quinta posizione.
Uno scintillante 2-2 tra l’Acquaviva e il Petritoli. Il pareggio permette alla squadra allenata dal tecnico Travaglini di rimanere saldamente al terzo posto insieme all’Atletico Piceno e di giocarsi la definitiva entrata in zona play off nello scontro diretto di sabato prossimo con il Porto d’Ascoli.
Perde clamorosamente la Ripa 1-3 contro una pimpante Grottese. Il vantaggio degli amaranto dopo soli quaranta minuti di gioco dava l’illusione di un successo. Ma l’avversario nel giro pochi istanti ha ribaltato il risultato calando un imbattibile tris. A rischio la zona promozione per la squadra di Mascitti.
Chiude il campionato con una sconfitta il Centobuchi. A Lucrezia esce battuto per 1-0. I ragazzi di Marocchi archiviano questa stagione con l’amaro in bocca per aver perso in più di una occasione il treno dei play off mettendo a repentaglio, nelle ultime uscite, anche la permanenza in Eccellenza.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 519 volte, 1 oggi)