GROTTAMMARE – Tappa grottammarese per il percorso del progetto “Scuole di pace?. L’iniziativa, promossa, tra gli altri, dal Coordinamento nazionale degli enti locali per la pace e i diritti umani e la Tavola della pace, che chiama a raccolta insegnanti, studenti, enti locali e associazioni per programmare l’educazione alla pace nelle scuole.
L’appuntamento è stato organizzato dall’amministrazione provinciale di Ascoli Piceno, in previsione del Meeting nazionale che si terrà a Rovereto nei giorni 29 e 30 aprile prossimi, dal titolo “La scelta della pace? ed ha condotto a Grottammare Flavio Lotti, direttore del coordinamento Enti Locali per la Pace e portavoce della “Tavola della pace”, l’associazione che promuove la Marcia Perugia-Assisi.
L’incontro si è svolto durante l’intera mattinata del 26 aprile, davanti ad un folto pubblico, a testimonianza di un impegno, quello verso i diritti umani e la pace, che raccoglie sempre più adesioni e spirito di partecipazione. Ampio il ventaglio degli argomenti sui cui Flavio Lotti è intervenuto, puntando tuttavia sugli obiettivi che l’attuale società deve raggiungere: passare dalla cultura del dominio e delle competizione selvaggia alla cultura della coperazione e della solidarietà per sconfiggere l’esclusione sociale, la povertà, la distruzione dell’ambiente e delle risorse naturali, lo sfruttamento del lavoro minorile, le guerre civili e quelle etniche…
Alla conferenza hanno preso parte esponenti delle realtà associative del territorio, accolte nella sala consiliare dall’assessore alle Politiche sociali e Partecipazione del comune di Grottammare, Maria Cristina Costanzo, e da alcuni esponenti della Consulta per la fratellanza tra i popoli (presidente Lina Lanciotti) e della Consulta degli stranieri di Grottammare (referente Alfredo Gende).

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 581 volte, 1 oggi)