SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Cuprense in caduta libera. Contro la Ripa ottiene soltanto uno 0-0 che la mette in serio pericolo per il titolo finale. Ha regalato due punti alla Sangiorgese (vittoriosa per 3-0 sul Pagliare) permettendo di avvicinarsi ulteriormente. Ora i punti di vantaggio si sono ridotti a quattro a due giornate dal termine del campionato. Troppo poco per una squadra come quella di mister Clerici che vede di sabato in sabato allontanarsi la promozione.
Gli amaranto, invece, guadagnano un punto prezioso per i play off. Quinti, in compagnia dell’Acquasanta, hanno sfiorato con Fiorino l’impresa di mettere a tappeto la Cuprense. La gara povera di occasioni ha, alla fine, accontentato la formazione del tecnico Mascitti.
Il Porto d’Ascoli batte con un rotondo 2-0 il Monticelli e si salva. Ma il successo avvicina la squadra di mister Grilli alla zona play off , il distacco è di solo tre lunghezze. I biancocelesti possono rendere prevedibile ciò che fino a due settimane era imprevedibile.
L’Acquaviva scende il poker all’Offida, un 4-1 che lancia la squadra del tecnico Travaglini sempre più in alto. Possono sognare ora che hanno occupato il quarto posto, specie per una formazione nata ad inizio stagione per la salvezza. Come lo scorso anno, l’Acquaviva si ritrova a lottare per un obiettivo importante quale gli spareggi promozione.
Nervosismo, tensione e sconfitta sono bastati al Grottammare per tornare a mani vuote da Monte San Giusto nel derby contro la Sangiustese. I biancoazzurri perdono 1-0 proprio nel momento più delicato del campionato quando le avversarie si impegnano a raggiungere i rispettivi traguardi. La squadra del tecnico Izzotti scivola sesta ad un solo punto dal quinto posto.
Un pareggio che accontenta sia il Centobuchi sia il PS Elpidio. L’1-1 che soddisfa entrambe le formazioni. I ragazzi di Marocchi, oramai fuori dai giochi promozione, raccolgono questo punto con serenità allontanando lo spettro dei play out.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 515 volte, 1 oggi)