Neanche una Samb al quarto posto in classifica a sole quattro giornate dal termine e reduce dalla splendida vittoria di Ferrara è riuscita oggi a riempire il Riviera! Considerato che in Curva Sud era presente un solo centinaio di tifosi abruzzesi, a dimostrazione che ormai nessuno in casa rossonera credeva piu’ dopo gli ultimi risultati ad un inserimento in zona play-off, si deduce che l’ ampliamento della capienza dell’impianto sambenedettese non era necessario.
Presente addirittura nel settore Distinti uno beffardo striscione di tifosi della Samb di S.Vito Teatino (“Bunker 88?), paese praticamente alle porte di Lanciano.
Julio Cesar Leon diventa il capocannoniere della Samb con otto reti in soli quattordici incontri, realizza la seconda doppietta personale (dopo quella di Pesaro) e il primo gol su azione in casa e smentisce la teoria secondo la quale per essere goleador bisogna giocare necessariamente di punta. Marco Martini al rientro in casa dal primo minuto (l’ultima volta fu col Foggia nel posticipo notturno) è stato osannato dai tifosi della Curva Nord all’89’ dopo la sostituzione. Analogo trattamento al 90° per Andrea Soncin, uno dei giocatori più amati dal pubblico rossoblù, capace di realizzare 24 gol in 55 incontri in maglia rossoblu’. Il bomber di Vigevano ha confermato comunque il difetto di sapere realizzare i gol soprattutto nel girone di andata e nel bloccarsi al ritorno: infatti quest’anno al giro di boa vantava già 13 centri, nel ritorno solo sei. Ritorno al Riviera anche per l’ unico sambenedettese Giovanni Pompei che mancava dalla partita di esordio col Giulianova.
RR

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 462 volte, 1 oggi)