Mancini ng. Solo una volta la palla arriva dalle sue parti: un “passaggio? di Soncin da trenta metri. Domenica di riposo dopo gli straordinari di Ferrara.
Taccucci 6,5: limita Cini e in qualche occasione, specie nella ripresa, dà il suo apporto al centrocampo.
Colonnello 7: alla faccia delle venti punture di antidolorifico per i guai alla caviglia. Su e giù per la fascia sinistra, a crossare e prender falli.
Amodio 6,5: non è al massimo però svolge ordinatamente la sua gara, non disdegnando, specie nel primo tempo, alcuni inserimenti pericolosi. Dovrebbe calciare più spesso verso la porta.
Femiano 6,5: assieme a Canini ipnotizza Soncin non concedendogli nulla.
Canini 7: ha vent’anni ma sembra un veterano. L’abbiamo scritto tante volte, ma non possiamo che ripeterci.
Tedoldi 6,5: non è ancora al 100% ma oggi ha dato un discreto contributo alla manovra, pur senza affondare troppo.
Cigarini 7,5: perfetto. Chiude tutti i varchi del centrocampo e rilancia l’azione con ordine e classe. Non abbiamo più parole per descrivere questo diciottenne.
Martini 7: si procura il rigore e l’espulsione di Movilli dando il suo timbro alla gara. Sempre vispo e reattivo, sfiora il gol ma la sua facile conclusione si stampa incredibilmente sulla traversa.
Bogliacino 7: il “Magico? torna e non sbaglia. Gira palla al piede e non sbaglia un colpo. A Sora sarà decisivo.
Leon 8,5: stratosferico. Purtroppo alcuni professori della Tribuna lo fischiano se sbaglia un passaggio (stranamente tutto viene perdonato ai giocatori meno dotati, nulla agli dei del pallone!). Calcia il rigore dove nessuno può arrivare, dispensa giocate di pura classe, segna il secondo gol unendo rapina e delizia (tocco di esterno destro incredibile). Si arrabbia alla fine perché non riesce a segnare il terzo gol? Cosa volete di più?
De Rosa 6,5: secondo noi merita il posto da titolare. Però, finché si vince…
Favaro ng: torna e si fa mostrare con alcune giocate di classe.
Pompei ng: alcuni minuti per ricevere l’applauso del Riviera.
BALLARDINI 9: adesso viene il bello e il difficile. La Samb si sta scoprendo una squadra speculatrice e furba: attende gli avversari e poi colpisce con i suoi Magici. Leon non ci sarà a Sora, ma lì occorrerà una squadra da combattimento.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 691 volte, 1 oggi)