GROTTAMMARE – Il Sindaco di Grottammare Luigi Merli ha emesso un’ordinanza (precisamente la n° 41 del 21 aprile 2005) in cui intima al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti di intervenire e garatire la protezione del litorale grottammarese. L’ordinanza, ha dichiarato lo stesso Merli, è resa possibile da una legge del 1907: un Sindaco, quando ravvisa gravi pericoli per l’incolumità dei cittadini, può dunque legittimamente ordinare ad un Ministero di svolgere degli interventi. Adesso il Ministero ha solo due scelte: o eseguire i lavori, o ricorrere al Tar.
L’ordinanza del Sindaco (potete leggerla integralmente con la nostra fotogallery) deriva dai danni causati dalla mareggiata del 10, 11 e 12 aprile, che, si legge, “hanno causato irreparabili danni, rispettivamente, alle abitazioni private e allo stabilimento balneare denominato “Bagno da Fabio? (Conc. N° 37), tanto che presso le abitazioni si è dovuto provvedere allo sgombero del piano terra per gravissime infiltrazioni di acqua marina, mentre presso lo stabilimento di balneare suddetto il titolare ha dovuto provvedere alla demolizione di circa il 50% dello stesso e della totalità delle cabine per disabili?.
Nei giorni scorsi inoltre erano pervenute, allo stesso Sindaco, delle note di protesta a firma del sig. Marco Pennesi, Aurelia Lucadei, Pegazzini Emanuela e Fabio Scartozzi, che mettevano al corrente l’Amministrazione dei danni arrecati.
L’ordinanza è emessa nei confronti del Ministero e non nei confronti della Regione Marche perché lo stesso Ministero, in passato, intervenne con delle opere di protezione della spiaggia grottammarese, con effetti che, secondo l’Amministrazione di Grottammare, sono risultati alla fine negativi. Entro il mese di maggio comunque, degli impegni già assunti da parte della Regione Marche e il Comune di Grottammare, dovrebbero portare alla elevazione e ripascimento di un tratto della costa.
Tuttavia importante sarà l’esecuzione dei lavori da parte dell’Ufficio del Genio Civile per le Opere Marittime di Ancona, chiamato ad intervenire con “lavori di rafforzamento, ripascimento e sopraelevazione delle scogliere soffolte esistenti nel tratto di costa compreso tra le concessioni demaniali n° 35 (Bagno Hotel Marconi) e n° 44 (Bagno da Peppina), della lunghezza di metri 500 circa.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 694 volte, 1 oggi)