GROTTAMMARE – Il temuto scontro politico non c’è stato, anzi la seduta del Consiglio Comunale di Grottammare, tenuta mercoledì sera e durata quattro ore di discussione, ha visto il voto unanime su quasi tutti i punti all’ordine del giorno.
Dopo l’apertura della discussione con l’interrogazione presentata da Vittorio Santori (Forza Italia) sul progetto “Vacanze senza barriere? (progetto di allargamento dell’accessibilità turistica della riviera delle Palme a soggetti disabili), sono stati soltanto due i “no? della minoranza sugli undici punti all’ordine del giorno; i consiglieri della Casa delle Libertà hanno votato contro alla variante al piano particolareggiato e di recupero del centro storico (variante legata ad alcuni errori di rilievo commessi durante la redazione del Piano).
Si è registrato un voto contrario anche sulla mozione registrata da Greenpeace: 5 consiglieri si sono astenuti, mentre il voto di Alleanza Nazionale è stato contrario. L’Amministrazione Comunale ha dunque approvato il progetto di Greenpeace “Città amiche delle foreste? che chiede agli enti locali più attenzione alla salute delle foreste, con l’acquisto di materiali di consumo derivanti da legnami certificati.
Nella stessa seduta, si è concluso un iter burocratico avviato dallo Sportello unico attività produttive. Si tratta della possibilità concessa ad un imprenditore di origine straniera di realizzare un capannone dove produrre cibi e predisporre l’area ove consumarli. L’iniziativa è stata accolta all’unanimità dal civico consesso anche perché, oltre a costituire un servizio aggiuntivo per l’area produttiva Pip Valtesino, è inserita in una zona priva di luoghi di ristoro. Per questo, tuttavia, è stato necessario approvare una variante parziale al Prg che ridefinisse la tipologia del lotto da edificare.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 648 volte, 1 oggi)