SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Titolo a serio rischio per la Cuprense. L’1-1 rimediato nella sfida con l’Azzurra Colli ha messo a repentaglio la conquista della promozione diretta. Con la vittoria della Sangiorgese, i gialloblu si sono visti diminuire ulteriormente il vantaggio. Ora sono sei i punti di distacco dalla seconda a tre giornate dal termine. La squadra del tecnico Clerici deve ritrovarsi perché non può permettere di gettare al vento i sacrifici di una intera stagione.
Pesante sconfitta della Ripa contro la Castoranese, un 5-3 scintillante che non ha annoiato il pubblico presente. Due formazioni che si sono fronteggiate apertamente dando libero sfogo all’entusiasmo. I ragazzi del tecnico Mascitti, pur disputando un valido incontro, si sono fatti raggiungere da Atletico Piceno, Grottese e Acquasanta. La lotta per il quinto posto si fa durissima.
Il Porto d’Ascoli ci prova ma la Sangiorgese spegne ogni speranza. I biancocelesti escono sconfitti 0-2 dal proprio terreno di gioco salutando, per quest’anno, le ambizioni di promozione. La squadra di mister Grilli combatte per un tempo poi in dieci uomini per i restanti quarantacinque minuti si fa affondare complice, anche, un arbitraggio non all’altezza della situazione.
L’Acquaviva non va oltre l’1-1 con la Grottese. Il punto conquistato è un passo verso la zona play off distante una sola lunghezza. Gli aranciocelesti, seppur senza tre titolari tra cui il bomber Balletta, sono stati in grado di tener testa ai locali reagendo alla rete dello svantaggio e difendendo il risultato senza soffrire troppo.
Finisce nel peggiore dei modi la stagione del Centobuchi. Perde 1-2 la sfida con la Biagio Nazzaro, valevole per l’accesso agli spareggi promozione. Delusione e tanto rammarico per i ragazzi di Marocchi che hanno sprecato negli ultimi mesi l’occasione per salire in serie D. Non resta che disputare serenamente le restanti gare.
Un tempo ciascuno soddisfa a metà il Grottammare nella gara contro la Cagliese. I biancoazzurri fanno 1-1 e raggiungono in quarta posizione Sansepolcro e Spoleto. Un peccato per questo pareggio arrivato nel finale. I ragazzi di mister Izzotti soffrono il fattore psicologico della Cagliese ma sanno spingere nella ripresa, segnare e farsi riagguantare a dieci minuti dal termine.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 591 volte, 1 oggi)