ROMA – Serve “un’immediata verifica dell’idoneità strutturale e funzionale degli stadi?. Lo afferma una direttiva del capo della Polizia, De Gennaro. Nel provvedimento, inviato a tutti i prefetti, si sottolinea, tra l’altro, che ‘numerose situazioni di particolare criticità registrate in occasione di gare calcistiche sono imputabili anche a carenze strutturali degli impianti sportivi?.
I prefetti possono differire o vietare le manifestazioni sportive se gli stadi sono carenti per l’agibilità e gestione dell’ordine pubblico. Lo prevede la direttiva del capo della Polizia ricevuta dai prefetti. “Qualora le circostanze lo richiedessero e le condizioni di agibilità degli impianti non rispondessero alle esigenze di una gestione dei servizi di ordine e sicurezza pubblica?, si legge nella direttiva, i prefetti dovranno valutare se applicare gli strumenti a loro disposizione.
Il prefetto di Napoli ha preso subito alla lettera la citata disposizione del capo di Polizia, disponendo il divieto dello svolgimento di Juve Stabia-Nocerina (serie C2/C), in programma domenica. Il provvedimento e’ stato adottato su proposta del Questore Fioriolli, per motivi di ordine pubblico. ‘Lo stadio di Castellammare – spiega la Questura – non offre sufficienti garanzie di sicurezza in occasione di incontri a rischio’. La gara verrà recuperata il prossimo 20 aprile, ma non a Castellammare.
Misure preventive pure per lo stadio ‘Lamberti’ di Cava de’ Tirreni dove domani pomeriggio è in programma la partita tra Cavese e Gela. L’incontro verrà fatto disputare regolarmente, ma a porte chiuse. Così ha stabilito la Lega di C dopo aver preso atto della comunicazione della Prefettura di Salerno che dichiarava inagibile l’impianto campano per motivi di sicurezza, a seguito degli incidenti che domenica scorsa hanno coinvolto i sostenitori cavesi.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 502 volte, 1 oggi)