GROTTAMMARE- Sabato 23 e domenica 24 aprile avrà luogo a Grottammare, presso il Residence Le Terrazze, la Terza Conferenza Nazionale sulle nuove energie.
Un appuntamento con il futuro al quale è difficile restare indifferenti e che vuole essere l’ennesimo incentivo del Comune allo sviluppo di un turismo congressuale, che in questo caso richiama personalità internazionali.
La “rivoluzione energetica? è alle porte ed il territorio del Piceno- a cominciare dal Comune di Grottammare- non vuole certo restare a guardare.
L’incontro, presentato dall’ Osservatorio Nazionale Nuove Energie (ONNE), in collaborazione con Nexus, presenta un progetto patrocinato dal Comune di Grottammare e dalla Provincia di Ascoli Piceno, con il contributo del Consorzio Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa (CNA), della Camera di Commercio e del Consorzio Elmec.
L’ambizioso progetto illustrato nella Conferenza prevede tre differenti fasi di ricerca: nella prima fase (Energy Lab) si analizzano ed elaborano idee innovative e spesso poco considerate dalla scienza istituzionale per il miglioramento dell’efficienza delle tecnologie energetiche, nella seconda fase (Energy Tek)si prevede lo sviluppo integrato delle imprese coinvolte e nella terza fase (Energy Net) si mette a punto un’attività di distribuzione capillare di tecnologie ed applicazioni, accompagnata dalla sensibilizzazione dei cittadini sull’argomento.
Importante è l’apporto delle imprese del Piceno, protagoniste- a detta di Désirée Basili del CNA- di un fervento imprenditoriale non indifferente. Le imprese sperimenteranno le nuove tecnologie e creeranno una sorta di laboratorio permanente, importante e sinergico motore della imminente rivoluzione energetica e libero spazio per idee che si discostino dai paradigmi scientifici dominanti.
L’incontro di quest’anno-come sottolinea il Presidente dell’ONNE Claudio Cimarola– ha come parola d’ordine la concretezza, saranno descritte le tecnologie utilizzabili da subito per un risparmio energetico ed economico. In particolare verranno presentate ben due relazioni che offriranno spunti su come utilizzare concretamente combustibili alternativi al petrolio, possibilmente di origine biologica ed una interessante esperienza applicativa della tecnologia fotovoltaica, che permette di utilizzare l’immenso potenziale dell’energia solare.
Illustri le personalità presenti all’incontro, uno tra tutti il prof. Peter Gluck della Romania, relatore dell’associazione mondiale di fisica della materia, il quale illustrerà i rivoluzionari orizzonti offerti dagli studi sulla fusione fredda e la fisica dello stato solido. Quelle che apparentemente potrebbero sembrare utopiche e teoriche aspettative sembrano prendere vita e trasformarsi in concrete applicazioni: dai sistemi eolici per la produzione di acqua calda all’olio di colza per i motori diesel.
“Grottammare città delle nuove energie?? A detta del Sindaco Luigi Merli non si tratta solo di uno spot, bensì di un concreto progetto che, avvalendosi del supporto dell’associazione ambientalistica ANTA, prevede la realizzazione di un quartiere tecnologico da utilizzare come vetrina per lo sviluppo delle nuove forme di energia ed importante veicolo promozionale per il territorio.
L’Assessore all’ambiente Marcello Capriotti sottolinea l’urgenza delll’applicazione immediata dei risultati raggiunti, fondamentale per fronteggiare l’imminente esaurimento del petrolio, fonte energetica che già nel 2010 potrebbe non essere più disponibile.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 627 volte, 1 oggi)