Inter-Milan. Vorrei per un momento puntare la mia attenzione su quanto accaduto stasera a San Siro ma principalmente sull’inutilà e la faziosita dei commentatori televisivi. Su Sky è stata abbastanza scialba l’esibizione di Rossi e Mauro. Quest’ultimo in particolare ha puntato la sua attenzione esclusivamente sulla presunta complicità dei dirigenti interisti, degli addetti alla sicurezza in particolare. Rossi si è dimostrato inadeguato a commentare lucidamente quanto accaduto. Errore di valutazione anche ritenere che certe trasmissioni possano contribuire a cambiare le cose mentre altre (chiaro il riferimento al Processo di Biscardi) alimenterebbero la violenza. Non è così per il semplice fatto che gli irresponsabili che lanciano bengala in campo o non guardano la Tv o non sono in grado di recepire insegnamenti di alcun genere. Anche perchè, spesso e volentieri, la parzialità e contraddizione dei commentatori è abbastanza evidente indipendentemente dai toni. Forse manca la libertà di opinione che non permette a certi commentatori di essere più credibili. Per esempio i commenti di Sky e di Rete 4 sono sembrati a senso unico: tutta colpa dell’Inter, della squadra che non vince più trofei importanti, in modo sottinteso anche di Moratti (che assurdità!). Ridicoli poi i complimenti al Milan ritenuto superiore all’Inter non evidenziando invece che sta giocando come la criticatissima Inter di Cuper, al quale andavano gli scherni anche quando era in testa alla classifica mentre ad Angellotti solo complimenti.. Allora non era importante vincere ma giocare bene, oggi il contrario. La potenza delle Tv. Nessuno ha minimamente accennato al comportamento di Dida che, nonostante fossero già arrivati almeno cinque pedardi nella sua ‘area piccola’, invece di raggiungere il centro del campo (come aveva fatto il nostro Mancini in Samb-Napoli), ha continuato a scalciare una bottiglietta, sistemandosi addirittura in un punto più scoperto. Più clamoroso ancora che, nel momento in cui è stato colpito, stava guardando gli incivili ed irresponsabili tifosi della curva. Un pedardo avrebbe potuto colpirlo agli occhi con conseguenze gravissime. Nessuno, per paura di non so che, lo ha fatto rilevare in trasmissione come se il comportamento del brasiliano fosse stato ‘giustamente coraggioso’. Fosse stato Dida mio figlio, lo avrei rimproverato severamente perchè stava, in quel momento, sfidando delinquenti ‘nemici’, non essendo mio figlio mi permetto di stigmatizzare semplicemente il suo comportamento. I pompieri protavano il casco, Dida no! I commentatori nazionali si riempiono la bocca di belle parole ma non accennano affatto alle cause che, nel caso di stasera, risiedevano in un errore macroscopico dell’arbitro. Errori che non giustificano la violenza (che non dovrebbe esistere e basta) ma, se ci sono cause ricorrenti, vanno esaminate e rimosse, non sottovalutate. Nessuno ha invece parlato di moviola in campo, forse per non avallare l’insistente richiesta di Biscardi nelle sue trasmissioni. Il mezzo tecnico, pur con tutti i giustificati dubbi, va provato e magari affinato nel tempo il suo utilizzo.
L’arbitro in Inter-Milan ha commesso un errore gravissimo che, alla luce delle circostanze, potrebbe anche sembrare in mala fede (si sa gli interessi nel calcio sono molteplici). Per questo motivo andrebbe punito nelle rispettive adeguate misure assieme ad Inter ed anche a Dida per aver prima simulato poi mostrato un coraggio tanto inutile quanto pericoloso. Con la moviola il gol sarebbe stato concesso, Dida sarebbe stato ammonito per aver cercato (con successo) di ingannare l’arbitro, ma, ancora di più, si rivelerebbe utile per mettere in guardia arbitri tipo quello tedesco che, vendendosi le partite, aveva stravolto la classifica del campionato in Germania. Questa non è fantasia ma realtà inconfutabile vista la radiazione e le scuse chieste dall’arbitro incriminato. Da che mondo è mondo le cause che scatenano il male vanno rimosse o per lo meno limitate. Senza il fattaccio l’analisi finale, secondo me più giusta, sarebbe: Milan giustamente in finale perchè ha avuto il portiere più bravo ed è stato aiutato da un pizzico di fortuna. Scusatemi per la divagazione oltre confine che credo possa essere giustificata dal fatto che la gara è stata seguitissima generando tantissimi opinioni e pareri. Io ho espresso il mio, potete farlo anche voi su queste stesse pagine.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 105 volte, 1 oggi)