Papa Giovanni Paolo II, al secolo Karol Wojtyla, sabato 6 febbraio 1982, alle ore 11.00 ha concesso, in Vaticano, udienza privata ai dirigenti, ai calciatori, allo staff tecnico, agli impiegati, allo staff sanitario, ai rappresenti degli sportivi e ai giornalisti della Sambenedettese Calcio. Lo storico evento si è potuto realizzare, grazie soprattutto all’interessamento del Vescovo Vincenzo Radicioni e da un Sacerdote di Porto d’Ascoli deceduto recentemente.
Un avvenimento, a dir poco, eccezionale: la Samb Calcio ha avuto lo stesso trattamento riservato ai capi di Stato e di Governo. Dopo l’intervento del Papa, ha preso la parola il Presidente della Samb Calcio Ferruccio Zoboletti, che ha consegnato al Pontefice una barca a vela in argento ed una busta, invitando il Santo Padre in visita a San Benedetto del Tronto, c’è stato anche un intervento dell’Assessore al Turismo di San Benedetto del Tronto Umberto Poliandri. Al termine c’è stata una replica del Papa, che ha consegnato a tutti i presenti il Santo Rosario. In tutto due ore di Udienza.
Il giorno dopo, domenica 7 febbraio, la Samb ha giocato alla Stadio “Olimpico? di Roma contro la Lazio (20° giornata di serie B) pareggiando meritatamente (1-1). Il tecnico della Samb era Nedo Sonetti, il capitano Gigi Cagni ed il portiere Walter Zenga.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 802 volte, 1 oggi)