SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Non sarà, a meno di sorprese, la solita Samb quella che domenica prossima vedremo impegnata al cospetto del Chieti, nell’importante sfida che precede i due veri e propri ‘spareggi’ da disputarsi, uno dietro l’altro, contro Spal (a Ferrara) – nel posticipo televisivo del 18 aprile – e Lanciano (il 24 aprile, al Riviera). Non negli uomini, questo è certo, alla luce delle assenze di Cigarini, squalificato, e quasi sicuramente Bogliacino, a Rimini da inizio settimana per curare la pubalgia che gli sta causando, tra l’altro, noie alla schiena; magari non sarà la stessa nemmeno per ciò che concerne l’impianto di gioco.
Possibilissimo l’impiego in avanti di Marco Martini. L’attaccante di Gradara non indossa la maglia da titolare dallo scorso 17 gennaio, quando Colonnello e soci ospitarono in notturna il Foggia del nuovo allenatore Massimo Morgia. Da allora, complice l’acquisto dell’honduregno Julio Cesar Leon, per il bomber ‘tascabile’ rossoblù solo panchina, tribuna o tutt’al più qualche spezzone di gara. Pare essere arrivato di nuovo il momento del suo impiego dal primo minuto.
Sono queste le indicazioni più importanti trapelate nel corso dell’amichevole giocata oggi pomeriggio dalla compagine rivierasca contro la Santegidiese, terminata con il risultato di 2-1 a favore dei rossoblù, grazie alle reti di Martini e Da Silva.
Sul prato del Riviera delle Palme Davide Ballardini ha mandato in campo una formazione che per dieci undicesimi dovrebbe ricalcare quella che verrà riproposta domenica pomeriggio contro il Chieti, con l’unica eccezione di Gianluca Colonnello, il quale ha preferito non rischiare oltre il dovuto a causa di un fastidio all’inguine. Il capitano, interpellato, ci ha rassicurati: “Nessun problema per domenica, domani riprendo a lavorare regolarmente. Oggi non ho voluto appesantirmi troppo, visto che di solito al martedì ed al mercoledì si lavora con una certa intensità?.
Al suo posto, sull’out di sinistra, il tecnico ravennate ha schierato Mattia Santoni; sulla corsia opposta spazio invece a Taccucci. Al centro della difesa la coppia che due settimane fa ha fatto un’egregia figura al cospetto delle ‘bocche da fuoco’ napoletane, vale a dire Fabio Femiano e Michele Canini.
Per quanto concerne la linea mediana Ballardini ha impiegato, in un primo momento, quattro uomini: Leon, a destra, il duo centrale Amodio-De Rosa e Tedoldi a sinistra, per poi ritornare, nel corso della gara, alla consueta (almeno negli ultimi mesi) soluzione offensiva con due fantasisti (Leon e Martini) in appoggio ad un unico attaccante (Da Silva).

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 519 volte, 1 oggi)