CHIETI – “Un attaccante, in tre partite, può fare quello che, magari, non ha fatto in una intera stagione?. Saverio Guariniello, domenica prossima di nuovo in squadra a San Benedetto del Tronto, appare oltremodo fiducioso. Di gare, al termine del campionato, ne mancano sei e lui aspetta che la ruota della fortuna cominci a girare in maniera diversa. “Proprio così. So che in parecchi mi criticano perché finora ho segnato solo tre gol di cui uno su calcio di rigore. La squadra fa indubbiamente fatica a trovare la via della rete ed è normale che le responsabilità ricadano soprattutto sugli attaccanti. Eppure, a parte i pali colpiti, credo che non sia stato comunque particolarmente fortunato in questa stagione. Ragion per cui, se tutto alla fine si compensa, spero di poter dare un concreto contributo alla salvezza della squadra?.
Il presidente Antonio Buccilli non ha dubbi. “L’importanza di un giocatore come Guariniello appare evidente proprio quando è assente. Corre su ogni pallone, è un punto di riferimento costante e riesce in ogni caso a portarsi dietro un paio di difensori. Certo, se poi facesse qualche gol in più, sarebbe decisamente meglio?.
E’ un Chieti ormai rassegnato ai play out? “Non so. Molto dipenderà proprio dalla prossima trasferta – continua Guariniello – abbiamo però il diritto ed il dovere di crederci fino alla fine senza però farci condizionare da calendario e classifica. Sappiamo che molto dipenderà anche dai risultati delle dirette concorrenti ma è meglio fare corsa solo su noi stessi?.
Corsa che parte dal duro lavoro atletico svolto specie nella passata settimana assieme al professor Cornacchia. “Ci ha messo sotto in maniera incredibile e sono convinto che il tutto ci tornerà parecchio utile in questa volata di primavera nella quale siamo pronti a calarci nella giusta mentalità. Con ogni probabilità la Vis Pesaro, con la sconfitta subita nel recupero contro il Rimini, è ormai fuori causa e bisognerà quindi lottare con animo sereno ma al tempo stesso con estrema determinazione per il miglior piazzamento possibile senza però rinunciare all’ipotesi di una salvezza diretta. Per quanto mi riguarda, sono abbastanza soddisfatto delle mie prestazioni ma mi rendo conto che una punta deve assolutamente muovere la rete. Una stagione davvero importante per me e vorrei chiuderla nel migliore dei modi?.

Fonte: il messaggero.it

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 425 volte, 1 oggi)