CHIETI – Domani in casa teatina si riprende a sudare: il gruppo neroverde si ritrova per preparare al meglio (ci sono più di dieci giorni di tempo visto che domenica prossima il girone B di serie C1 osserverà un turno di riposo) la trasferta di San Benedetto del Tronto.
La vittoria di sabato scorso contro al Vis Pesaro ha avuto un duplice effetto: condannare virtualmente i marchigiani al baratro della C2 e rinfocolare le proprie speranze di disputare quantomeno i play out; in un colpo solo D’Aniello e soci hanno lasciato ai corregionali del Giulianova il penultimo posto e di contro agganciato il Sora a quota 27 punti. La lotta per non retrocedere è ancora aperta ed è già un mezzo miracolo per i teatini alla luce della tribolata – sia per quanto concerne questioni squisitamente tecniche che invece societarie – stagione vissuta.
In queste ore sta tenendo banco la ‘questione’ attaccante: il patron Antonio Buccilli, il quale sabato era all’Angelini (ma non è rimasto sino alla fine; indispettito dalla brutta partita dei suoi ha lasciato anzitempo l’impianto neroverde), vuole a tutti i costi mettere a disposizione di mister Donati una punta di razza che contribuisca a risolvere l’annoso problema del gol. La casella delle reti all’attivo recita 15. Tradotto: il secondo peggior reparto del girone insieme a quello del Giulianova. C’è tempo sino a giovedì prossimo. Il 31 marzo scade infatti il termine ultimo utile per poter tesserare calciatori svincolati.
Il diesse Oscar Tacchi ribadisce la volontà del numero uno del sodalizio di viale Abruzzo: “Il presidente Buccilli mi ha dato mandato in tal senso ed ho preso contatto con una giovane punta svedese che ha giocato all’estero e potrebbe arrivare nei prossimi giorni. Non so se la questione sarà definita ma, in ogni caso, su tutto, ci sarà da valutare la condizione fisica del giocatore?.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 437 volte, 1 oggi)