REGGIO EMILIA – Momenti di grande tensione nel match che oppone le ‘teste quadre’ agli `stregoni` del Benevento. E` il minuto 71 quando, a causa di un contrasto, il giocatore della Reggiana, Morello, termina a terra nella propria area. La palla carambola fuori campo, ma i campani, come il galateo della pedata converrebbe, anziché restituire la sfera agli emiliani, tentano la via del gol senza successo.
A conclusione dell`azione azione, quindi, la richiesta di spiegazioni avanzata da parte del team di casa. Ne nasce una rissa che porta alla sospensione della gara per circa sei minuti con pesanti conseguenze per i più esagitati, Minetti e Buria, che si vedono recapitare dalla giacchetta nera un invito a raggiungere gli spogliatoi anzitempo. Non è tutto. Dagli spalti inzia il solito riprovevole lancio di oggetti, uno dei quali colpisce al capo un calciatore del Benevento, De Liguori, costretto a lasciare il terreno di gioco in barella. Trasportato al Santa Maria Nuova per accertamenti, il centrocampista sannita ne avrà per cinque giorni. L`episodio non è sfuggito all`Ufficio Indagini presente al Giglio.

Fonte: datasport.it

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 628 volte, 1 oggi)