PETRITOLI: Tassotti, Marinangeli (84’ Tomassini), Frattani, Di Buò, Chiurchiù, Gentilucci, Ciaralli, Fiscaletti, Tirabassi, Mentili, Romanelli (77’ Iacoponi), (Virgili, Pezzani, Massetti, Illuminati, Gramaccioni) All. Pezza
PORTO D’ASCOLI: Filipponi Si, Spinosi, Giorgini, Filipponi Se, Palanca, Capecci, Mestichelli, Sansoni (61’ Rocchi A), Rocchi I (83’ Meo), Traini, Straccia (83’ Capriotti) (Induti, Spaletra, Piergallini, Sgattoni) All. Grilli
ARBITRO: Traini di Ascoli Piceno
RETI: 66’ Romanelli, 78’ Capecci aut
PETRITOLI – Risultato bugiardo quello che il Porto d’Ascoli vede attribuirsi nel finale. Un 2-0 che induce a pensare ad una gara negativa dei biancocelesti quando il Petritoli è stato praticamente assente nel corso del primo tempo e nella ripresa ha avuto la fortuna di passare in vantaggio con una punizione e raddoppiare su autorete.
La squadra del tecnico Grilli ha condotto l’incontro creando combinazioni, mettendo in affanno la retroguardia locale ma con poca convinzione sotto porta. Ciò li ha penalizzati a dispetto di un Petritoli troppo cinico.
Il Porto d’Ascoli inizia subito forte. Un solo minuto e Mestichelli vince un rimpallo su Frattani servendo Traini, il suo destro esce di poco a lato. Passano due minuti e Sansoni ruba palla, percorre tutta la corsia di sinistra, cross al centro per Ivan Rocchi che poi calcia maldestramente fuori.
Il Petritoli si fa notare al 14’ con una punizione laterale di Mentili che scivola sul fondo. Al 26’ Straccia lancia Traini, punta l’avversario in area, la conclusione bloccata a terra da Tassotti. Al 38’ Straccia taglia all’indirizzo di Traini che costringe l’estremo difensore locale a parare in due tempi.
Nella ripresa occasione clamorosa per Marinangeli che sbaglia completamente mira. Al 53’ Straccia batte una punizione dalla destra, parabola tesa che sfiora il sette. Poco dopo Palanca protegge palla servendo Ivan Rocchi che all’indietro passa a Mestichelli, il tiro è di poco alto.
Al 63’ Ivan Rocchi riceve palla, entra in area ma calcia addosso al portiere. La beffa giunge al 66’, Romanelli batte una perfetta punizione a pallonetto che si stampa sotto il sette dove Simone Filipponi non può arrivare. Straccia innesca la reazione, su calcio piazzato costringe Tassotti a distendersi deviando in corner. Al 78’ i giochi si chiudono, Chiurchù fa partire un cross dalla destra che Capecci nell’intento di allontanare spedisce in rete.
FILIPPONI SIMONE 6 era una giornata di lavoro ordinario fino al pallonetto e all’autorete
SPINOSI 7 con lui dietro non si passa
GIORGINI 6 blocca in anticipo Mentili
FILIPPONI SERGIO 6 prova a dare profondità alla squadra
PALANCA 6 alterna buone giocate ad errori elementari
CAPECCI 5.5 sporca la buona prestazione con una sfortunata autorete
MESTICHELLI 6.5 spinge, cala nel finale
SANSONI 7 sempre in anticipo sull’avversario
ROCCHI I un po’ in ombra, clamoroso gol mancato
TRAINI 6 si sacrifica
STRACCIA 6.5 caparbio, può fare di più

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 495 volte, 1 oggi)