SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Crescono i consensi da parte di enti ed associazioni nei confronti del Bea, Banco dell’Enogastronomia e dell’Artigianato che si terrà nella Palazzina Azzurra dal 23 al 25 aprile. Sono infatti sempre più numerose le associazioni impegnate nella valorizzazione delle produzioni tipiche che hanno deciso di supportare l’iniziativa. I risultati positivi conseguiti nella passata edizione hanno evidenziato l’importante ruolo che può svolgere il Bea nella valorizzazione delle produzioni tipiche, autentico tratto distintivo di un’offerta turistica che tiene conto delle potenzialità garantite sia dai paesi dell’entroterra sia da quelli della Riviera delle Palme.
Una manifestazione che, per crescere, deve necessariamente poter contare sul coinvolgimento dei vari enti che operano sul territorio. La Cna, già presente nella passata edizione, verrà affiancata anche dalla Coldiretti, dall’Assindustria di Ascoli e dalla Cia, Confederazione Italiana degli Agricoltori. Proprio queste quattro associazioni hanno deciso di costituire un comitato organizzativo: un’entità che comprende le associazioni di riferimento per quanto riguarda la produzione e la trasformazione di alimenti e di prodotti che caratterizzano l’offerta enogastronomica e artigianale del territorio Piceno. Insieme a queste associazioni un ruolo importante nell’organizzazione dell’evento sarà anche quello svolto dalla Vinea di Offida, oltre al Consorzio Riviera delle Palme, alla Regione Marche, al Sistema Turistico Locale Piceno Mare Monti, Comune di San Benedetto del Tronto, Camera di Commercio, Provincia di Ascoli e Cassa di Risparmio di Ascoli. Sono state inoltre avviate forme di collaborazione con AIS, Associazione Italiana Sommeliers, Vinea e l’Istituto Alberghiero di Stato di San Benedetto del Tronto.
“In questo modo – sostiene il presidente del Bea, Marco Calvaresi – stiamo cercando di rendere partecipi tutti gli enti che, con il coinvolgimento delle aziende associate, esaltano le produzioni tipiche della nostra zona, vero tratto distintivo ed importantissimo fattore competitivo nel nostro sistema turistico. Conoscere e apprezzare la nostra zona attraverso le produzioni tipiche, artigianali e l’enogastronomia, unitamente alle bellezze storiche e paesaggistiche, rappresenta uno scopo per il quale abbiamo voluto realizzare il Bea che sta diventando, anno dopo anno, il miglior esempio di promozione turistica nella Riviera delle Palme e nei comuni dell’entroterra?.
Definita ormai la griglia degli enti che organizzeranno la prossima edizione del Bea, si passa ora alla fase attuativa del progetto. Sono previste infatti tantissime aziende che dal 23 al 25 aprile, nella Palazzina Azzurra ed in un’area dell’isola pedonale ad essa adiacente, avranno la possibilità di esporre i propri prodotti.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 643 volte, 1 oggi)