La storia. La casa della famiglia B. si trova a metà strada tra gli insediamenti israeliani e un villaggio arabo. I B. sono piuttosto agiati e colti. Mohammad, il padre, è preside di una scuola secondaria. Dopo uno scontro a fuoco, l’esercito israeliano occupa, per ragioni di sicurezza, il secondo piano dell’abitazione e chiede alla famiglia di lasciare la casa. Mohammad si rifiuta, non vuole andar via, la casa è il confine della sua dignità. Comincia così una convivenza forzata fatta di momenti di tensione, con moglie e figli del signor B che sembrano non capire la scelta paterna.
Unico film in concorso al Festival di Locarno, “Private” riporta in Italia il Pardo d’Oro tre anni dopo la vittoria di Maurizio Sciarra con “Alla rivoluzione sulla 2 CV'”. Il film (Italia, 2004, durata 90′) verrà proiettato martedì 22 marzo presso il cineteatro Calabresi; l’inizio dello spettacolo è previsto per le 21.30. Il costo del biglietto è di euro 4.50 e l’ingresso è riservato ai soli soci FIC, la cui tessera è acquistabile al botteghino al costo di euro 7.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 327 volte, 1 oggi)