MONSAMPOLO DEL TRONTO – *La vertenza Conad Adriatico, iniziata a settembre 2004, non è ancora conclusa ma ha visto, nei giorni precedenti, la definizione di una ipotesi di accordo.
Nell’ultimo incontro tra OO.SS Provinciali, R.S.U. e azienda, avvenuto l’11 marzo scorso, si è arrivati a sottoscrivere un’ipotesi di accordo da sottoporre all’assemblea dei lavoratori per la ratifica. Tale ipotesi sostanzialmente si compone di due elementi: gli strumenti per la ricollocazione e l’incentivo economico.
Una ipotesi, quella sottoscritta, che non colma i problemi derivanti dal piano industriale dell’azienda ma che risponde in parte a quelle esigenze ed ai presupposti che fino ad oggi erano mancati e che avevano impedito la sottoscrizione di una ipotesi di accordo cioè un sistema di ricollocazione dei lavoratori non imposto dall’azienda ma che doveva vedere riconosciuta la possibilità di scelta da parte dei lavoratori e l’ incentivo economico. Questi elementi costituiscono l’ipotesi di accordo, raggiunta attraverso una mediazione che, ribadiamo, non soddisfa completamente le posizioni sindacali ma che ha portato sicuramente l’azienda a rinunciare alle posizioni sostenute rigidamente nel corso di questi mesi di trattativa.
L’assemblea dei lavoratori riunita mercoledì 16 marzo, ha evidenziato la condivisione del contenuto dell’ipotesi di accordo, condizionando la sua approvazione alla necessità di maggiori garanzie e di un perfezionamento del testo al fine di rendere inequivocabile, non interpretabile unilateralmente la volontà delle parti e la certezza di vedersi corrisposta tutta la parte economica dell’ipotesi di accordo. Dubbi e necessità legittime da parte dei lavoratori dopo che sono stati costretti a rispondere ad una procedura di mobilità, ad un piano aziendale non condiviso e alle rigidità mostrate dall’azienda in questi mesi.
In questi giorni come sindacato abbiamo lavorato per modificare e perfezionare il testo dell’ipotesi di accordo che è stato poi sottoposto all’azienda. A seguito di tale passaggio, mercoledì p.v. l’assemblea dei lavoratori sarà chiamata a ratificare l’ipotesi di accordo.
Questo è il percorso concordato e condiviso con i lavoratori e che il Sindacato e la RSU portano avanti per continuare a tutelare e garantire il risultato oggi raggiunto grazie alla trattativa, alla lotta dei lavoratori e al contributo delle istituzioni e della solidarietà di molti.
Le notizie apparse in questi giorni sulla stampa, con cui si fa riferimento ad accordi già sottoscritti senza la ratifica dei lavoratori, fino ad arrivare ad affermare che il sindacato è noncurante della necessità di tutelare i lavoratori medesimi, sono infondate ed errate ma, soprattutto, risultano oggi strumentali, propagandistiche e semplicistiche.
*Le segreterie Provinciali FILCAMS-CGIL FISASCAT-CISL UILTUCS-UIL

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.181 volte, 1 oggi)