Mancini 6: forse poteva tentare l’uscita sulla potente incornata di Biancolino, ma l’attaccante stacca ad un passo dall’area piccola davanti ad un attonito Zanetti, attenuando le sue colpe. Per il resto della gara ha poche occasioni per rendersi protagonista.
Taccucci 6: puntuale negli interventi sul mobile Moretti, pecca di scarsa precisione in fase di rilancio.
Colonnello 5,5: deve fronteggiare il brasiliano Vanin, che pur non attraversando un periodo particolare di forma, gli provoca non poche noie, quando tenta l’affondo sulla fascia.
Amodio 6: la Samb non si fa schiacciare dai padroni di casa e almeno nel primo tempo, tenta di fare la partita, grazie soprattutto al suo agonismo. Meno tonico rispetto al solito, perde un po’ in eleganza, ma non efficacia.
Zanetti 6,5: combatte un bel duello aereo con lo spigoloso Brancolino, soffrendo la prestanza dell’avellinse. Pareggia parzialmente il conto con il centravanti biancoverde, (che un pizzico d’astuzia si era provocato il rigore poi realizzato da Moretti) grazie all’incornata, che per mezz’ora gela il Partenio.
Femiano F. 6: si alterna con Zanetti nella marcatura di Biancolino, contenendo bene il centravanti per almeno 90 minuti. Quando Rastelli si accentra, si sposta su di lui, neutralizzandolo senza grosse difficoltà.
De Rosa 7: inizia a mille entrando in azione di disturbo su tutte le azioni dei padroni di casa. Dopo il pareggio della Samb, gli irpini tentano il tutto per tutto e deve farsi in quattro per contenere le fonti del gioco biancoverde.
Cigarini 5,5: un po’ in ombra rispetto alle gare precedenti, finisce spesso per essere scavalcato dalla manovra irpina. Ballardini lo sacrifica per schierare laSamb con un 4 4 2 classico, inserendo Dominguez sulla fascia, senza però sortire l’effetto desiderato.
Da Silva 5,5: nel primo tempo la marcatura dei centrali irpini gli lascia maggior spazio di manovra e riesce a proporsi al tiro con più facilità, senza riuscire ad essere incisivo. Nella ripresa ha sui piedi un’ottima occasione per segnare il suo primo gol in maglia rossoblu, ma lo spreca per mancanza di energie.
Bogliacino 6,5: preciso ed essenziale come al solito, cerca di inventarsi qualcosa per alleggerire la pressione dei padroni casa, tentando spesso la giocata. Non gli riesce, ma di sicuro esce a testa alta dal Partenio.
Leon 6: con la palla fa sempre quello che vuole. Palleggia sopra la testa degli avversari e scavalca chiunque prova a contenerlo con una facilità da campione. Poi però si innamora della sfera rallentando la manovra della squadra. Non si esprime al top, ma quando la Samb soffre, rincorre gli avversari per dare una mano ai compagni.
Dominguez s.v.: si schiera sulla fascia senza però riuscire a ripristinare gli equilibri che Ballardini avrebbe voluto recuperare schierando la squadra con il 4-4-2.
Alberti s.v.: una manciata di minuti, senza essere incisivo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 458 volte, 1 oggi)