SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Una web tv per dare voce alle realtà sociali emergenti delle Marche. Nasce la prima televisione sociale online curata dall’Eurispes Marche. Il progetto è stato presentato oggi dal presidente regionale dell’istituto di ricerca, Camillo Di Monte. “Si tratta di una forma innovativa di comunicazione sociale? ha spiegato. “E’ un’idea nata con l’intento di far emergere attraverso internet, canale di comunicazione che nel nostro Paese è in grande crescita, i mutamenti sociali della società marchigiana?.
Le ricerche condotte dall’Eurispes nella nostra Provincia evidenziano che gli utenti giornalieri di internet sono oltre 44 mila. Nel nostro Paese gli utilizzatori di una o più piattaforme digitali sono passati dai 3,8 milioni del 1995 ai 39 milioni del 2004. Da qui l’idea dell’Eurispes Marche di utilizzare un canale di comunicazione che consenta di avvicinare più agevolmente i fruitori dei media, in particolare i giovani.
La web tv di Eurispes Marche (la direzione editoriale è affidata a Roberto Morello) sarà on line dal prossimo 15 aprile ma nel frattempo chiunque vorrà potrà inviare all’indirizzo info@eurispesmarche.it i propri contributi per evidenziare, sotto forma di immagini e filmati, eventuali problematiche sociali o fare altre segnalazioni. La tv online dell’istituto di ricerca sarà articolata in cinque canali tematici: Opinioni (che vedrà protagonisti i personaggi del mondo della politica, della cultura e della scienza; Corti (dedicato ai giovani, per dare spazio alle creatività comunicativa nel sociale); Eventi (avvenimenti legati a tematiche sociali del territorio marchigiano); Speciali (approfondimenti su temi d’interesse locale); Ricerche (conferenze stampa di presentazione delle ricerche e dei rapporti diffusi dall’istituto).
“Questo progetto – ha aggiunto Di Monte – vuol essere uno strumento al servizio dei cittadini che si sviluppa dal basso e non come un deus ex machina. E’ necessario uscire dalle stanze e cercare di conoscere e affrontare i problemi reali della gente, che oggi vive una situazione di profondo disagio economico e sociale. E’ un invito che rivolgo anche ai nostri esponenti politici: pensino meno ai tagli di nastro e più alle esigenze concrete del territorio?.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 464 volte, 1 oggi)