AVELLINO – Si è disputato nel primo pomeriggio, allo stadio Partenio, l’incontro di Coppa Italia di C tra l’Avellino e l’Acireale. E’ finita 2-1 per i padroni di casa (gol di Evacuo ,su rigore, e Leone), ma in virtù del risultato dell’andata (2-0 per i granata) proseguono il cammino in coppa proprio i siciliani, i quali sono riusciti a siglare il gol della bandiera – che è valso il passaggio del turno – negli ultimi minuti di gara.
Da oggi in ogni caso la compagine biancoverde (coloro i quali non sono stati convocati per l’incontro di coppa) è in ritiro – misura attuata non per punire i giocatori dopo la sconfitta di Padova, ma semplicemente allo scopo di cementare ancor più il gruppo e ritrovare la concentrazione, come ha tenuto a precisare il presidente Massimo Pugliese – per preparare accuratamente la sfida contro la Sambenedettese di domenica prossima.
Sarà una settimana difficile per gli irpini, non solo perché occorre ritrovare la via del successo smarrita da due settimane, ma anche per via dei numerosi infortuni cui giocoforza si ritrova a fare i conti il tecnico Antonello Cuccureddu: sono fermi Ghirardelllo, la cui distorsione alla caviglia procuratasi a Padova lo potrebbe tenere fermo per un po’, Ametrano (lombosciatalgia), Biancolino, il quale ha un’infiammazione al tendine rotuleo, Nicoletto per la distorsione al ginocchio e lo stiramento al collaterale mediale, e Fusco, vittima di un semplice affaticamento muscolare. Sicuri invece i rientri di Criaco e Riccio, che ha scontato il turno di squalifica comminatogli la settimana scorsa dal Giudice Sportivo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 443 volte, 1 oggi)