GROTTAMMARE – Ancora calda polemica politica a Grottammare. In occasione del Consiglio Comunale convocato per la sera del 15 marzo, i consiglieri dell’opposizione di centro-destra Raffaele Rossi, Vittorio Santori, Maria Grazia Concetti, Roberto Marconi, Filippo Olivieri e Mario Ascani hanno abbandonato l’Aula Consiliare prima dell’effettiva discussione dei lavori.
Tutto è nato da una richiesta dei gruppi di opposizione di poter inserire al punto 1 dell’ordine del giorno una mozione: questa avrebbe dovuto trattare, probabilmente, una polemica nei confronti del Sindaco Luigi Merli, che ieri ha convocato una conferenza stampa sui dati del Bilancio 2005 di Grottammare. Probabilmente per i consiglieri di minoranza le parole di elogio del Sindaco riguardo il bilancio comunale non erano condivisibili e avevano intenzione di replicare immediatamente. Il regolamento del Consiglio Comunale impone però che per inserire una mozione non presentata in precedenza direttamente all’interno dell’ordine del giorno, occorre il voto positivo di un quinto dei consiglieri.
Dopo una pausa iniziale in cui si sono incontrati i capigruppo per verificare come poter procedere, i consiglieri Raffaele Rossi (Alleanza Nazionale), Vittorio Santori e Maria Grazia Concetti (Il Governo dei Cittadini – Grottammare Unita) hanno chiesto di nuovo di poter inserire la mozione al punto 1 in quanto, secondo la Concetti, “si tratta di un aspetto centrale e per noi pregiudiziale rispetto agli altri punti all’ordine del giorno.?
Il consigliere di maggioranza Giuseppe Marconi (Rifondazione Comunista) ha invece proposto di inserire comunque la mozione nell’ordine del giorno, ma come ultimo punto di discussione, per non interferire sul programma di discussione preventivamente comunicato alla cittadinanza.
Raffaele Rossi ha chiesto di leggere il contenuto della loro mozione, ma a quel punto il presidente del Consiglio Comunale Stefano Fabbioni lo ha interrotto dicendo ciò non era consentito dai regolamenti. A quel punto i consiglieri di opposizione accettavano che il Consiglio Comunale esprimesse il proprio parere: cinque consiglieri dell’opposizione votavano per discutere subito la mozione (Roberto Marconi aveva già abbandonato l’aula), mentre la maggioranza votava per discuterla al punto 12.
Irritati da questa decisione, i consiglieri di minoranza decidevano immediatamente di abbandonare la seduta, ritenendo di non poter esprimere liberamente le proprie opinioni.
Nel prosieguo della seduta, il Sindaco Merli, illustrando il bilancio, ha affermato che “anche lo scorso anno abbiamo discusso il bilancio da soli; ricordo ai consiglieri che c’è l’obbligo di consegnare i documenti inerenti il bilancio all’opposizione entro un mese dall’approvazione, che è avvenuta poco dopo il 10 febbraio. Non riesco a capire – ha continuato Merli – la virulenza di questa contestazione, anche perché in Consiglio Comunale si deve discutere e per noi non è un vezzo essere soli?.
Va precisato che nell’ultimo anno l’opposizione ha abbandonato per tre volte la seduta consiliare: oltre alla data odierna, questo avvenne, appunto, durante la discussione del bilancio 2004 e nello scorso giugno quando vi fu la nomina di Stefano Fabbioni come Presidente del Consiglio Comunale.
Ad ogni modo il Consiglio ha approvato gli altri punti all’ordine del giorno: è stato approvato il Bilancio di previsione 2005, il Piano di Lottizzazione Tesino Nord e il Progetto si realizzazione della residenza per anziani (edificio con 14 alloggi) in via C.Battisti.
L’unico momento di coesione tra tutti i consiglieri comunali si è avuto, ad ogni modo, durante il minuto di silenzio in memoria di Nicola Calipari, l’agente italiano ucciso in Iraq da una pattuglia americana in seguito alla liberazione della giornalista Giuliana Sgrena. Il minuto di silenzio era stato proposto da Raffaele Rossi ed è stato accettato dall’intero consiglio.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 646 volte, 1 oggi)