SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Di seguito proponiamo una poesia di Giovanni Quondamatteo, poeta e scrittore dialettale sambenedettese. La poesia è una piccola modifica di quella declamata da Quondamatteo durante la “Serata delle Stelle Rossoblù” martedì scorso al Ristorante Abbadetta (poesia che sarà in edicola domani con “Sambenedetto Oggi”).
Lu peggie a passate

Lu mèse de innare pe la Samb,
A state nu minze desastre,
So quattre partete despùtate,
Trèje l’ha perse e one la pareggiate.
I tefoscie che ppe’ la Samb darì lu core,
Avvedè le tre sconvitte ji piagnì lu core.
Dope sa date da fa’, ci la meste tòtte,
e ha scangellate llu perjide bròtte,
‘nfatte mò ‘ngì petéme lamendà,
‘n’glassifeche stème sopre la mmetà,
la squadra a nate ‘nguattre e quattr’otte,
e l’ubbiettéve pringipale
jère cunguistà la salvezze,
e i ragazze lu stà facenne a la granne;
E ne ‘mbarlème sémbre de Serie B:
J’ meracule i fà solamènde i sante
N’atre dé se la furtòne ci dà ‘na mà,
N’ Serie B ci petème pòre rrevà.

Giovanni Quondamatteo 11 marzo 2005

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 552 volte, 1 oggi)