PORTO D’ASCOLI: Filipponi Si, Induti A (28’ Giorgini), Alesiani, Capecci, Mestichelli, Spinosi, Marconi, Filipponi Se, Del Toro (46’ Meo), Traini, La Riccia (62’Rocchi A) (Induti M, Piergallini, Straccia) All. Grilli
CUPRENSE: Mori, Cimadamore, Cocciaretto, Alighieri, Rossi, Palestini, Gabrielli, Splendiani A, Marino (72’ Berdini) Ottaviani, Perozzi (Rivosecchi, Carosi, Saporiti, Lelli, Acciarri, Baffoni) All. Clerici
ARBITRO: Mezzalani di Jesi
RETI: 13’ Gabrielli, 77’ Sergio Filipponi
SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il cuore oltre l’ostacolo. È questa la gara che il Porto d’Ascoli ha giocato contro la prima della classe, la Cuprense. Un pareggio meritato specie per ciò che i biancocelesti hanno fatto vedere nella ripresa quando pressing e possesso palla sono stati determinanti per riportare in parità il risultato.
Dopo una breve fase di studio è la Cuprense a beffare i padroni di casa con una grande azione ragionata. È il 13’ e Alighieri con un lancio in profondità trova Gabrielli, stop al volo e palla in fondo al sacco. Più tardi i gialloblu cercano il ko sempre con Gabrielli, la sua conclusione è fuori.
Il Porto d’Ascoli metabolizza trovando il tempo della reazione. Al 27’ verticalizzazione di Sergio Filipponi per il giovane La Riccia che si trova solo in area, prova a sorprendere Mori con un pallonetto ma invece di colpire la palla di collo lo fa di esterno con la sfera che rimane incollata ai piedi del giocatore.
Subito dopo La Riccia prova a farsi perdonare con un colpo di testa, in mischia, finito alto. Al 39’ i biancocelesti pareggiano ma l’arbitro annulla perché Traini batte una punizione direttamente quando il direttore di gara assegna una punizione di seconda. A turno Mestichelli e Marconi provano a bucare Mori senza esito.
Occasione nel finale per il Porto d’Ascoli. Traini parte in contropiede, a tu per tu con l’estremo difensore gialloblu, fa partire un destro che Mori respinge. Sulla respinta si avventa Sergio Filipponi che poi spara clamorosamente alto.
Nella ripresa la squadra del tecnico Grilli costruisce un buon possesso palla creando parecchie mischie e obbligando la Cuprense a giocare di rimessa. Alighieri prova la rovesciata in area, ma la palla finisce sul fondo. Splendiani sbaglia il passaggio all’indietro rischiando uno dei più classici autogol.
La rete del pareggio è nell’aria. Giorgini dalla destra tenta un tiro cross che Mori blocca. Ma nulla può al 77’ quando dalla stessa posizione Marconi su punizione fa partire un traversone raccolto da Sergio Filipponi, che di testa infila Mori. Sussulto nel finale quando Perozzi ruba palla a Capecci in area si allarga troppo trovando l’opposizione di Simone Filipponi.
FILIPPONI SIMONE 6.5 sventa un paio di occasioni
INDUTI sv esce per infortunio
28’ GIORGINI 6.5 entra e scuote la corsia di destra
ALESIANI 6 meno incisivo del solito ma diligente
CAPECCI 6 una sbavatura nel finale che poteva costare caro
MESTICHELLI 6.5 lottatore
SPINOSI 6.5 copre con disinvoltura
MARCONI 6.5 tornano ad essere determinanti i suoi assist
FILIPPONI SERGIO 6.5 il grande cuore del capitano. Goleador
DEL TORO 6 è lontano dalla forma migliore
46’ MEO 6 si è dato molto da fare
TRAINI 6.5 sempre in partita, gli è mancata la rete
LA RICCIA 6.5 ha avuto due buone occasioni per segnare
62’ ROCCHI A 6 si è adattato alla gara

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 299 volte, 1 oggi)