GROTTAMMARE – *Al senatore Ciccanti, che probabilmente prova a nascondersi dietro l’immunità parlamentare, che non gli sarà comunque utile in questo frangente, non rispondo.
Comunico soltanto che per l’insieme di frasi ingiuriose, violente, fuori luogo risponderà davanti al giudice. Non è la mia prassi politica adire le vie legali come strumento di confronto politico, ma quando un senatore (teoricamente massimo esponente della saggezza politico-amministrativa della nazione) arriva ad articolare un comunicato come quello riportato oggi su tutta la stampa locale, dopo il mio tentativo ripetuto di smorzare i toni di una polemica politica gratuita costruita su uno spiacevole episodio di violenza tra due persone, mi costringe a utilizzare per questa volta l’unico strumento plausibile di risposta che possa ripristinare una dialettica politica consona ai ruoli che ricopriamo.
Al tentativo di screditare la compattezza del gruppo politico di maggioranza, invece, rispondo con la ferma volontà di non assecondare questo bieco “giochetto?.
Svendere pubblicamente azioni di cortesia intercorse privatamente tra cittadini (che siano anche consiglieri comunali) è un atteggiamento alquanto vile e sicuramente poco in sintonia con la dignità di persone che inneggiano al decoro e al rispetto delle istituzioni.
*Luigi Merli, Sindaco di Grottammare

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 491 volte, 1 oggi)