SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La Samb chiama a raccolta i suoi tifosi tagliando i prezzi dei biglietti (riportiamo di seguito il commento di un giovane tifoso, Daniele Di Salvatore, apparso all’articolo “Pollice verso per il pubblico rossoblù??), ma Giove Pluvio non dà una mano.
Imperversa il maltempo e la pioggia che sta cadendo dalla notte scorsa, dovrebbe continuare a bagnare la Riviera delle Palme fino alla domenica mattina (almeno stando alle previsioni, in base alle quali a San Benedetto ci dovrebbe essere una schiarita nel pomeriggio di domenica).
Campo pesante dunque? Nonostante l’avvocato Vincenzo D’Ippolito, da tempo, spera di poter vedere la Samb giocare nei campi asciutti, più consoni alle caratteristiche della squadra, il lungo e strano inverno sta impedendo alla Samb, dotata di attaccanti agili e tecnici e di giocatori non eccezionali come potenza fisica, di sviluppare al meglio le proprie trame di gioco. Sarà così anche domenica.
Ballardini probabilmente riconfermerà la stessa formazione delle ultime settimane, con le incognite Bogliacino (oggi si è allenato ma ad un certo punto ha accusato dolore) e Canini, leggermente affaticato. In preallarme Martini e Fabio Femiano. A centrocampo dovrebbero giocare De Rosa e Cigarini, con Amodio defilato sulla fascia.
Di seguito riportiamo il commento di Danilo Di Salvatore sul calo degli spettatori:
Al di là del problema della quantità del pubblico (la cui flessione è stata esaurientemente spiegata da Natalini) io metterei l’accento sulla parola “fedelissimi”: siamo sicuri che il pubblico in toto lo sia? Pronto a mettere entrambe le mani sul fuoco per la Curva Nord (avendoci passato le domeniche degli ultimi 3 anni), non mi arrischierei a stendere le palme per quanto riguarda il settore Distinti… men che meno per quanto riguarda la Tribuna. Il problema di fondo è l’apporto dato dai vari settori alla squadra: che diritto hanno di lamentarsi coloro che al massimo si sprecano per un applauso, se non lo fanno coloro che si sgolano per 90 minuti? L’unico episodio che mi è dato ricordare di contestazione feroce da parte della Nord, a causa della mia giovane età, è in occasione del famoso Samb-Benevento, durante il quale la tifoseria mandò poco cordialmente la famiglia Gaucci a… farsi benedire. Ma in quell’occasione era in gioco la dignità di tutta una tifoseria, ritenendo Gaucci di poter promettere ai quattro venti destini luminosi, senza poi dare seguito alle sue parole. Dunque, per concludere, dò una risposta al quesito di fine articolo: la presenza della massa è proporzionale alla direzione in cui tira il vento, quella dei fedelissimi è una costante. Indi per quest’anno si metta l’animo in pace la società e pensi piuttosto a far spirare il vento nella giusta direzione l’anno venturo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 402 volte, 1 oggi)