RIPATRANSONE – È mistero su quanto accaduto nella serata di mercoledì 3 marzo ad una ragazza di origine moldava, che ha riportato gravi lesioni a seguito (pare) di una caduta dal balcone dell’abitazione nella quale risiede. La ragazza vive assieme a due anziani a cui dà assistenza, in via Quarta, una traversa di via Cavour, nel centro storico di Ripatransone.
Nella sera di mercoledì la ragazza sarebbe precipitata dal balcone attorno alle 20, e il suo corpo è stato visto a terra soltanto attorno alle 23:30, quando due avventori del Ristorante “Barone Rosso”, terminata la cena, stavano riprendendo la strada di casa (tra l’altro i due erano due volontari della Croce Azzurra e hanno potuto prestare le prime cure alla giovane, trovata in uno stato di semiassideramento).
La ragazza è stata ricoverata immediatamente all’Ospedale di San Benedetto, e nella giornata di oggi trasportata ad Ancona per ulteriori accertamenti e un’eventuale operazione. La giovane moldava ha riportato la frattura del bacino, del femore, la rottura di una costola con lesione del polmone, la frattura dell’osso sacro e della mandibola, una lesione al labbro inferiore e al cuoio capelluto, e un trauma cranico.
Sul fatto stanno indagando i Carabinieri di Ripatransone: molti sono i dubbi sulla vicenda. C’è da spiegare che i due anziani che venivano assistiti dalla ragazza non si sono accorti della sua assenza perché, a quell’ora, erano già andati a dormire. Sembra anche strano che nell’arco di circa tre ore nessuno si sia accorto del corpo della donna. Inoltre resta misteriosa l’eventuale caduta: per quale motivo la ragazza si sarebbe sporta a quell’ora, in una giornata così rigida? La caduta dal balcone (visibile l’altezza dalla nostra fotogallery) potrebbe generare una serie così lunga di fratture e ferite? O si è trattata di un’aggressione?

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 930 volte, 1 oggi)