ANCONA – Nello scorso novembre la giunta regionale, i sindacati confederati CGIL, CISL E UIL e i sindacati dei Pensionati, avevano firmato un protocollo di intesa per l’attuazione di politiche sociali e sanitarie a favore degli anziani non autosufficienti, considerando il sostegno a questa fascia di popolazione una priorità nel processo di rafforzamento del welfare regionale.
Nella seduta settimanale di ieri l’esecutivo ha dato seguito a quell’intesa, recependo un ulteriore accordo quadro, sottoscritto con gli stessi Sindacati il mese scorso, che definisce una serie di azioni e interventi finalizzati a prevenire, contrastare, accompagnare la non autosufficienza, stabilendo uno stanziamento nel bilancio di previsione 2005 di 10 milioni di euro. Risorse che saranno destinate ad uno degli obiettivi individuati dal piano programmatico delle politiche in favore degli anziani: la riqualificazione delle residenze socio-sanitarie per gli anziani non autosufficienti.
Un atto, frutto dell’accordo, che affronta in maniera completa e con la piena applicazione dei principi dell’integrazione socio-sanitaria, la problematica della non autosufficienza.
Per la sua tempestiva attuazione, la giunta regionale ha invitato le strutture regionali competenti per l’assistenza territoriale e i servizi sociali, ad attivare immediatamente tutte le procedure necessarie all’applicazione dell’accordo, comprese le riunioni di area vasta.

I contenuti di questo accordo rappresentano la concretizzazione di quello che le organizzazioni sindacali stanno promuovendo a livello nazionale.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 288 volte, 1 oggi)