*Esprimo amicizia e solidarietà all’amico Roberto Marconi, consigliere comunale UDC al Comune di Grottammare, in quanto vittima di una vile aggressione da parte del marito della Vice Sindaco Costanzo, solo per aver espresso critiche al suo operato di amministratore.
Quando l’intolleranza arriva fino all’eliminazione fisica dell’avversario politico, ci troviamo di fronte ad una degenerazione della democrazia che impone urgenti ripari.
La violenza fisica subita da Marconi, che ha come mandante morale e politico la Vice Sindaco Costanzo, impone al Sindaco un isolamento altrettanto morale e politico degli artefici della reazione violenta, imponendogli l’immediata revoca della delega.
Non è possibile tenere a rappresentare le istituzioni chi si fa giustizia da soli, con agguati e spedizioni punitive verso chi ha espresso solo giuste critiche nelle sedi istituzionali.
*Amedeo Ciccanti, senatore Udc

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 564 volte, 1 oggi)