*Leggiamo con grande preoccupazione, ne siamo soprattutto testimoni diretti, delle lunghissime attese a cui sono sottoposti i pazienti che si recano in ospedale. E’ sconcertante che la sanità sia ancora la cenerentola fra i servizi pubblici della nostra città.
Il servizio sanitario locale fa capo alla nostra regione, la responsabilità di eventuali disagi deve, dunque, attribuirsi esclusivamente ad essa. La nostra regione, governata da una sinistra che ha sempre orgogliosamente difeso il servizio pubblico, rende tale servizio del tutto inefficiente. Basti pensare alle lunghissime liste di attesa per molti esami e visite specialistiche. A queste vanno aggiunte le interminabili file per pagare il ticket, per le autocertificazioni e per le prenotazioni che sono tutte di competenza del Centro Unico di Prenotazioni, noto a tutti come CUP.
Andare ora in ospedale e usufruire di tale servizio è come avventurarsi in una giungla. A sportelli colorati e pieni di luce fanno da contraltare ore di attesa, personale scarsamente preparato e del tutto insufficiente. Non riusciamo assolutamente a comprendere come non si possa reperire personale efficiente e preparato in un’azienda che conta più di 800 dipendenti. Non comprendiamo come dirigenti di alto profilo inviati dalla regione non riescano a censire personale adeguato ad un servizio pubblico di assoluta necessità. Siamo fortemente preoccupati. Le giustificazioni e le rassicurazioni che i dirigenti danno a turno sono del tutto inutili.
Non riusciamo a comprendere come mai non si possa indennizzare un cassiere e a questo scopo non si riescano a trovare fondi necessari, visti i continui sperperi di denaro pubblico che la sanità regionale quotidianamente mette in atto. Oltretutto la Regione Marche non ha più rinnovato alla banca il servizio di riscossione ticket a partire da gennaio 2005, di conseguenza tale servizio è di esclusiva competenza delle aziende territoriali.
Pretendiamo, dunque, una sanità efficiente e semplice e di facile accesso a tutti. Basta con le giustificazioni, con le lentezze e con i ritardi cronici che quotidianamente affliggono una struttura di assoluta e primaria necessità.
*Luigi Capriotti – Coordinatore comunale Forza Italia

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 482 volte, 1 oggi)