GROTTAMMARE – *Da anni Grottammare è carente di una amministrazione nel vero senso tecnico della parola. L’incapacità di programmare lo sviluppo del nostro territorio e di risolvere i problemi più urgenti legati alla viabilità, alle infrastrutture, al rilancio dell’agricoltura e delle imprese locali, viene nascosta con l’eccessiva trasformazione del territorio mediante edificazione ad uso abitativo senza reale neessità penalizzando così lo sviluppo turistico e il miglioramento della qualità della vita.
Ma la maggior parte dell’attività amministrativa è pura demagogia. Mi riferisco ai continui attacchi al Governo in carica ed all’aver fatto aderire il Comune di Grottammare alla associazione NO GLOBAL Rete del Nuovo Municipio, sostenendola economicamente con i soldi dei cittadini ai quali non è mai stato chiesto il parere in poposito! Altro che trasparenza e partecipazione popolare! Questa scelta fa vergognare ogni cittadino di buon senso per essersi ritrovato etichettato come no-global, anti-europeo, contro la gestione privata della sanità, della scuola e contro il sistema attuale di trasporto delle persone e merci fondato sull’automobile. Un bel salto nel lontano passato operato a danno del nostro territorio da coloro che si ritengono e proclamano “riformisti�.
Nello spirito di “educare� il cittadino a fare scelte verso una democrazia più partecipata, l’amministrazione nega i diritti della minoranza ad uno spazio di informazione propria sul giornale del comune ed evita di consultare la stessa per la nomina del Presidente del Consiglio Comunale!
Con la filosofia del perfezionismo per la quale l’Amministrazione non commette mai errori, la contestazione sollevata dal Consigliere Roberto Marconi circa la inopportunità per il coniuge dell’Assessore dei Verdi di concorrere alla gara di assegnazione di un lotto di spaiggia per la realizzazione di un nuovo chalet balneare, è stata fraintesa in Consiglio Comunale e ripagata con percosse al consigliere da parte del diretto interessato. Questa Amministrazione di “riformisti� ed “educatori� dovrebbe rimettere il mandato agli elettori e lasciare ai grottammaresi la libera scelta del loro futuro senza Che Guevara e NO GLOBAL.
*Il Capogruppo del Governo dei Cittadini Consigliere Vittorio Santori.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 500 volte, 1 oggi)