SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La consueta gara di campionato di Serie A2 del campionato Hockey in line per la Pattinatori Sambenedettesi si rivela un vero e proprio incubo che alla fine tuttavia si dovrebbe risolvere con un lieto fine.
In effetti, la formazione rossoblù, una volta arrivata in quel di Civitavecchia (e non in maniera agevole date le condizioni atmosferiche) trovano la pista dei laziali completamente bagnata. Nonostante il prodigarsi, i padroni di casa si rendono conto non ci sarebbero stati più i tempi tecnici per l’inizio della partita nei tempi previsti dal regolamento. Ecco allora che arriva la decisione dei dirigenti locali: trasferimento a Roma per l’utilizzo della struttura di via Tito.
Tuttavia, arrivati a Roma, l’arbitro manda tutti a casa essendo scaduti i canonici 120 minuti utili dall’orario prefissato per lo svolgimento della gara! Per concludere, si viene a sapere che la pista di Roma non era comunque omologata all’utilizzo della squadra del Civitavecchia.
Insomma, una vera e propria Odissea che comunque si risolverà probabilmente positivamente per la Pattinatori Sambenedettesi: il giudice sportivo, a termine di regolamento, dovrebbe dare la partita vinta per 5-0.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.076 volte, 1 oggi)