GROTTAMMARE – Il progetto “Vacanze senza barriere� ne ha creata una in seno alla vita politica grottammarese. Dopo gli interventi di Anna Amici e Vittorio Santori (Forza Italia), che hanno provocato la risposta del sindaco Luigi Merli, Anna Amici rilancia.
“Ci sono imprecisioni nelle dichiarazioni di Merli – afferma – infatti parla di progetto “Vacanze senza barriere� e successivamente dell’adesione al progetto “Azione turismo vacanze per tutti� avvenuta il 29 marzo 2004. Ma quello che ci preme sottolineare è altro�.
“Il primo punto del progetto, inizialmente presentato alla Fondazione Carisap che lo ha bocciato nella fase istruttoria, riguarda una sorta di censimento della situazione delle barriere architettoniche negli alberghi – continua Amici – cosa che dovrebbe essere già disponibile nei database della Provincia: e allora perché pagare questo lavoro, che consisterebbe di recarsi negli uffici provinciali e ritirare informazioni già elaborate?�.
Anna Amici attacca anche il Presidente della Provincia Massimo Rossi: “Questo progetto non ha nulla di sociale, e non ci interessa se hanno aderito altri comuni. Chi gestirà i lavori saranno la Copnet e l’Associazione Euromediterranea, che vanta tra i soci Giuseppe Marconi, consigliere comunale e provinciale di Rifondazione Comunista. Dunque Grottammare finanzia un consigliere della propria maggioranza? E perché non vengono impiegati ragazzi portatori di handicap per l’immissione dei dati, se il progetto deve avere fini sociali? E pensare che Rossi, quando era Sindaco di Grottammare, si poneva come moralizzatore…Ad ogni modo vigileremo su chi svolgerà il lavoro.�
“Il progetto – conclude Amici – è uno sperpero di denaro pubblico. Si garantisce la pubblicazione di una brochure finale, ma al momento gli unici alberghi che rispettano tutte le norme in materia sono due o tre di San Benedetto: ne vale la pena? Perché non impiegare quei soldi in promozione turistica?�

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 482 volte, 1 oggi)