GROTTAMMARE – *Non è vero che il comune di Grottammare ha aderito tramite una delibera di Giugno 2004, la sottoscritta ha tutte le delibere del 2004 con le relative stampe, non esiste delibera di adesione a questo progetto. Se non esiste la delibera ,ci può spiegare il Sindaco Merli come vengono fatti uscire 2000 euro a carico degli assessorati Turismo e Servizi Sociali, visto che non esiste impegno di spesa?
Questo progetto che cosa ha di sociale e di turistico per giustificare l’uscita di soldi da questi capitoli? Poteva avere valenza sociale se il lavoro di censimento con le telefonate e il lavoro di immissione dei dati sul computer si faceva svolgere da ragazzi disabili, ma così non è.Il consorzio Copnet e l’associazione Euromediterrane sono semplicemente i soggetti che hanno presentato il progetto, ma il lavoro materialmente verrà svolto da alcuni tecnici della ditta Comes.
Verificheremo in modo puntiglioso chi svolgerà il lavoro. Nelle dichiarazioni che ha fatto il Sindaco manca il costo a carico della Provincia, che sicuramente aderisce visto che il progetto è stato già presentato nelle commissioni provinciali.Il progetto inoltre appare avere scopo di lucro visto che c’è la concessione del marchio sull’accessibilità alle strutture alberghiere. Possono enti pubblici finanziare progetti a scopo di lucro, così come rilevato dalla Fondazione Carisap che ha bocciato lo stesso identico progetto?
Se l’amministrazione di Grottammare vuole fare qualcosa di concreto per i disabili cominci ad abbattere le barriere architettoniche della città per permettere la libera circolazione ai portatori d’handicap.
* Anna Amici Coordinatrice FI Grottammare

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 275 volte, 1 oggi)