SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Sabato 19 febbraio alle 17.30 si è svolta la presentazione di “Ismaele”, l’ultimo libro di Antonella Roncarolo. Scrittrice, insegnante e giornalista, la Roncarolo ha scritto numerose favole per bambini, poi illustrate dai bambini della scuola elementare Ischia di Grottammare ed ha già pubblicato un libro di racconti “Le vie dei poeti”.
In questo suo primo volume, presentato alla Fiera del Libro di Torino, viene raccontata la storia di quattro donne che hanno compiuto delle piccole rivoluzioni personali, andando contro le tradizioni pur di seguire le proprie scelte.
In “Ismaele” invece l’autrice sambenedettese cambia genere: prendendo spunto da “Moby Dick” di Herman Melville, ritenuto dalla scrittrice il più bel libro mai scritto, immagina il destino ed il futuro a cui va incontro la balena bianca dopo l’uccisione del capitano Achab.
“Ritengo che l’odio sia un sentimento grande tanto quanto l’amore” sottolinea la Roncarolo. “”Ismaele” può essere definito un meta racconto, un racconto nel racconto. Io immagino cosa possa fare la balena una volta distrutta la sua metà, verso la quale aveva riversato tutti i suoi sentimenti”.
Il brano è stato poi arricchito dalle illustrazioni di Cesare D’Antonio, da un testo di Lucilio Santoni e dalla prefazione di Francesco Scarabicchi.
Alla Stamperia dell’Arancio, dove si svolgerà la presentazione, si potranno ammirare dal vivo i disegni ed i dipinti originali che hanno arricchito il libro, oltre alla performance di Lito Fontana al trombone e di Federico Paci alla tromba, accompagnamento musicale all’appuntamento culturale.
Il libro è edito dalla Stamperia dell’Arancio di Riccardo Lupo e curato graficamente da Michele Rossi.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 343 volte, 1 oggi)