BENEVENTO – Cattive notizie per il centrocampo giallorosso: Domenico Giugliano – in un primo momento sembrava scontato il suo recupero – non ce la fa e non sarà tra i convocati essendo ancora fermo a causa dei fastidi alla schiena che lo hanno tormentato nelle ultime settimane. E’ già pronto a sostituirlo Carmine Cerchia, il quale nel momento del bisogno (già 14 i gettoni totalizzati nel torneo in corso) si è sempre fatto trovare pronto; al limite c’è pure la disponibilità di Alberto Nocerino che torna a respirare il clima del pre-partita dopo i cinque mesi di squalifica per le vicende relative al calcioscommesse, anche se pare molto improbabile un impiego “full-time?, proprio alla luce della sua lunga assenza.
Oggi pomeriggio in ogni caso mister Sergio avrà la possibilità di fare le prove generali anti-Samb, in occasione della prevista partitella infrasettimanale contro una formazione mista allievi-Beretti. Come detto, sarà il centrocampo il settore nel quale andranno fatti i giusti correttivi.
Il collettivo giallorosso intanto lavora sodo e l’allenatore sannita sta insistendo parecchio sulla tattica, in modo tale da infondere il proprio credo al gruppo che sembra rispondere nel modo migliore, soprattutto in quanto ad impegno e applicazione. Inutile dire che la squadra – lo abbiamo evidenziato anche ieri – sente molto la gara al cospetto dei marchigiani, non solo per vendicare la batosta dell’andata (3-0), ma anche perché comprende che si è ormai giunti al momento topico della stagione: i calciatori giallorossi hanno provveduto a puntualizzare che i tre punti darebbero alla classifica dello Sporting una dimensione quasi da play off, aggiungendo altresì che verrà fatto di tutto pur di superare l’ostacolo Samb, lasciando da parte le intricate vicende societarie. Pensare solo al campo e sgombrare la testa da possibili condizionamenti esterni, questo l’imperativo per il clan sannita, il quale per bocca del capitano Mimmo Coletto lancia un appello alla tifoseria beneventana: “Invito i nostri tifosi ad accorrere in massa domenica sugli spalti del Santa Colomba e darci una grande mano, come sono abituati a fare nei momenti importanti diventando protagonisti, considerato, tra l’altro, che da San Benedetto si preannuncia un massiccio seguito di supporters. Da parte nostra – continua Colletto – abbiamo capito la lezione di Chieti ed anche quella di precedenti partite: sappiamo che dobbiamo essere concentrati e scendere in campo arrabbiati per ottenere un risultato positivo e giocare secondo le giuste aspettative. Questa rosa è forte sia a livello individuale che di collettivo, ma ripeto, deve giocare sempre con la tensione alta. Appena ci rilassiamo o giochiamo con un pizzico di sufficienza o senza la testa giusta, diventiamo battibili?.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 349 volte, 1 oggi)