SAN BENEDETTO DEL TRONTO – L’albergo ecologico inizia a fare proseliti. Cinque operatori turistici della Riviera delle Palme hanno sottoscritto il decalogo stilato da Legambiente per la certificazione ambientale degli alberghi. L’iniziativa, nata sulla base di un protocollo d’intesa siglato lo scorso anno da Legambiente, Assoalbergatori e Comune di S.Benedetto, è stata illustrata ieri in Comune.
Gli albergatori dovranno rispettare dieci fondamentali regole per fregiarsi di un marchio che poi potrà comparire sul materiale promozionale e agli ingressi delle strutture, costituendo così un elemento di garanzia ulteriore per un mercato turistico sempre più orientato alla ricerca di strutture ecocompatibili.
Tutte le strutture ricettive aderenti ai singoli progetti di località s’impegnano a considerare l’ambiente come un bene da usare e non da sfruttare, adottare azioni impegnative (oltre i requisiti minimi di legge), ma possibili e convenienti per il conseguimento degli obiettivi ambientali, valorizzare le specificità locali.
Gli obiettivi ambientali prioritari: riduzione e riciclaggio dei rifiuti; risparmio idrico ed energetico; contenimento del rumore e del traffico; valorizzazione di prodotti sani e della gastronomia locale; promozione delle reti naturalistiche e monumentali.
Le strutture ricettive che vorranno aderire al programma parteciperanno nei prossimi mesi a corsi di formazione gestiti da Legambiente cui spetta anche il controllo degli impegni concordati e il monitoraggio dei risultati.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.315 volte, 1 oggi)