CITTADELLA – Ieri la squadra di Roland Maran è tornata ad allenarsi in vista del doppio impegno settimanale: domani la partita di Coppa Italia contro il Como – praticamente archiviato il passaggio del turno in virtù del 2-0 ottenuto al Sinigaglia – domenica la sesta giornata di ritorno di campionato.
Nonostante una gara da recuperare (lo scontro salvezza contro il Chieti) la classifica dei veneti da un mese a questa parte ha riassunto contorni piuttosto foschi, in virtù degli scivoloni casalinghi contro Avellino e Napoli. Peccato, perché in precedenza i granata grazie ad una striscia positiva lunga sette partite – dal pari del Tombolato contro il Foggia (5 dicembre) a quello in casa della Reggiana (16 gennaio) – erano riusciti a tirarsi fuori dalle sabbie mobili della graduatoria. E meno male che lì dietro non corrono: Vis, Sora, Chieti (i neroverdi hanno 21 punti come il Cittadella) e Giulianova procedono col freno a mano tirato; solo il Martina, da ultimo che era, ha inanellato una serie sorprendente (cinque) di risultati positivi che lo hanno momentaneamente piazzato al di fuori dei discorsi play out. C’è insomma nuovamente da rimboccarsi le maniche: l’ottimo ruolino di marcia fatto registrare in dicembre e nella prima porzione del mese scorso avevano illuso l’ambiente che il peggio fosse passato e che quest’anno ci si potesse salvare evitando i patemi d’animo delle ultime stagioni. Non è così. La realtà è che gli uomini di Maran sono attesi da un trittico di partite (nell’ordine Samb, Martina e Vis) da affrontare col problema del gol, una questione che nelle ultime domeniche sta assumendo sembianze piuttosto preoccupanti: dopo la goleada inflitta al Benevento nel primo turno del girone di ritorno, i granatieri hanno siglato solo due reti, sprecandone – è questo il punto – un’infinità.
Tifosi e stampa locale hanno individuato proprio nella mancanza di un bomber di razza il male più grande di questa squadra, la quale non riesce a finalizzare l’invidiabile mole di gioco prodotta: tolto Sgrigna (9 gol) le presunte bocche da fuoco venete (Colussi, Crocetti, De Gasperi, Riberto e Fofana) non stanno rendendo al meglio. Non pare essere d’accordo la società: nel corso del mercato di riparazione appena concluso, il sodalizio di viale Dante Alighieri non ha infatti provveduto ad acquistare un goleador.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 420 volte, 1 oggi)