SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Gabriella Ceneri ricomincia da tre. Dopo la breve esperienza nel centrosinistra con Udeur, l’ex assessore comunale torna nella Casa delle Libertà e approda all’Udc. Un percorso politico complesso il suo, se si considera anche la traumatica conclusione del rapporto con Forza Italia, che due anni fa la portò ad un discusso ‘strappo’ con l’Amministrazione comunale e con il partito. Ora, il suo lungo cammino politico prosegue, alla ricerca di quei valori di centro che le forze politiche sinora incontrate non sono riuscite ad esprimere.
Come è nata questa sua scelta di passare all’Udc?
Cambiare partito non è stato facile. L’Udeur si è distaccato gradualmente dal progetto che inizialmente mi ero trovata a condividere. La mia decisione è stata motivata anche dalle linea politica adottata a livello nazionale dal centrosinistra, che ha stretto legami con forze che culturalmente sento distanti da me. Con gli esponenti dell’Udc ho mantenuto sempre buoni rapporti personali. Questo ha contribuito a creare un confronto sereno e costruttivo con il partito, che mi permetterà di poter esprimere quei valori politici moderati e di centro in cui da sempre credo.
Dall’adesione all’Udc alla candidatura in vista delle prossime elezioni regionali il passo è stato breve
Si è presentata questa opportunità, agevolata dal fatto che con la nuova normativa i partiti in lista ora devono presentare almeno un candidato donna. Sia chiaro, non ero alla ricerca di una candidatura a tutti i costi. Ho aderito al programma condiviso dalla coalizione per le elezioni regionali ed ora mi preparo ad affrontare questa nuova esperienza con serenità, spinta dal desiderio di dar voce ad un progetto politico che spero sia recepito da un ampio elettorato. Credo che la politica non debba essere vissuta con il paraocchi, i partiti spesso cambiano o si evolvono, i valori restano”.
Certo, non si può dimenticare il suo traumatico distacco da Forza Italia, soprattutto ora che è tornata a far parte del centrodestra
Premetto che ho conservato ottimi rapporti con molti esponenti del centrodestra, a prescindere da ciò che avvenne al momento del mio allontanamento dalla realtà politica cittadina. Ci sono state persone che si sono comportate male nei miei confronti, abusando del nome del partito.
In occasione di un’intervista rilasciata al nostro settimanale lo scorso maggio, lei fu molto critica nei confronti della Giunta Martinelli: è ancora della stessa opinione?
Resto molto delusa dalla piega presa dall’Amministrazione comunale. Credo sia deleterio per la città dover assistere ai continuo via vai tra i componenti della Giunta. In tal senso, apprezzo la linea politica adottata dal mio nuovo partito, che all’interno della coalizione riveste un ruolo di stimolo e di critica all’attività dell’esecutivo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 630 volte, 1 oggi)