Samb e sambenedettesità Incredibile ma mica tanto quello che sta accadendo a San Benedetto. Mica tanto perché non è una novità assoluta. Stavolta però i sambenedettesi veri, quelli con le p. quadrate (scusate l’espressione), devono aiutarci a risolvere democraticamente, una volta per tutte, questo problema. Oggetto come sempre la Samb Calcio. Da Ancona (Corriere Adriatico) è partito stamattina un attacco violento contro la società rossoblu. Notizie che, seppure fossero vere, un giornalista ‘non nemico’ dei colori rossoblu tratterebbe l’argomento con garbo costruttivo e non distruttivo. Dispiace a questo punto ancora di più che il Direttore del Corriere Adriatico sia un sambenedettese (Paolo Traini) che, per lo meno, dovrebbe evitare certe cadute di stile oltre che (probabilmente) di credibilità. La mancata firma dell’articolista gli assegna addirittura il 100% delle responsabilità. Evidentememente sta sacrificando il suo amore per la Samb a vantaggio di improbabili scoop (ricordate il mio Disappunto: “Uno scoop che più scontato non si può? e’ stato più preveggente di quanto pensassi) e quindi alla vendita di giornali pro editore romano.
Torniamo al presunto scoop che, essendo la seconda volta, diventa una forzata strumentalizzazione a favore di ipotetici e finora sconosciuti imprenditori. Che D’Ippolito avesse quote societarie è credibile ma l’aspetto è tutt’altro che negativo. Che l’avesse Paterna è ancora meno incredibile. La storia Ballardini/Giorgini, l’ipotetico rimpasto sono storie che non possono essere invalidate da una semplice vittoria in casa dell’ultima in classifica. Considerazioni giornalistiche che mi permettono due ipotesi:
1– la crescita calcistica di Samb e Ascoli fa paura ad Ancona che rivede i fantasmi degli anni ‘70-‘80-‘90 quando il piceno dominava calcisticamente e quindi anche in visibilità. Ora che stanno per far scomparire il nostro ospedale (con i nostri politici in perenne catalessi) hanno timore di perdere la totale leader ship che non spetta di diritto al capoluogo di Regione, che dovrebbe meritarsela senza affossare altri. In tutti i settori, calcio compreso.
2– Se quanto abbiamo letto sul Corriere Adriatico corrisponde al 95% della verità significa che all’interno della società rossoblu qualcosa non va e che c’è una ‘vipera’ da stanare al più presto.

Tanto dovevo per il grande amore che, da tempo memorabile, mi lega alla mia squadra del cuore.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 67 volte, 1 oggi)