ASCOLI PICENO – Tenevano in casa quasi tre chili di droga, fra hashish e cocaina Due spacciatori sono stati arrestati dai carabinieri di Ascoli e di Castignano nell’ambito di due distinte operazioni. La prima è scatata a seguito di una attività d’indagine nei confronti di un operaio ascolano di 23 anni, B.S., impiegato presso un’azienda di Colonnella (Teramo). Il giovane è stato colto in flagrante sul proprio sul posto di lavoro mentre cercava di vendere la droga. Nella sua auto le forze dell’ordine hanno trovato 30 grammi di hashish, mentre nella sua abitazione di Ascoli, dove il giovane vive con la madre, sono stati rinvenuti otto panetti contenenti 2,5 chili della stessa sostanza stupefacente.
Nella casa del giovane sono stati trovati anche un bilancino di precisione e 5.500 euro, probabile provento dell’attività di spaccio. L’operaio avrebbe potuto ottenere fino a 5.000 dosi per un valore di mercato di 25 mila euro. Lo spacciatore e’ stato arrestato.
Nel corso di un’altra operazione è finito agli arresti domiciliari un incensurato di 30 anni, L.F., di Castignano, che nella propria auto teneva nascosti 20 grammi di hashish. In casa, poi, i carabinieri gli hanno trovato 50 grammi di cocaina già suddivisa in 13 involucri pronti per lo spaccio.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.127 volte, 1 oggi)