SAN BENEDETTO DEL TRONTO – In serie D la capolista Foligno possiede il miglior attacco. Ben cinquanta reti messi a segno in ventuno giornate di cui soltanto trentuno siglati dai bomber Iacona (18) e Cirillo (13). Benché il Todi viaggi in zona retrocessione, ci pensa Gagliardini con i suoi dieci sigilli a tenere alto il reparto avanzato. Subito dietro scalpitano con nove reti Cerbone della Sangiustese, La Cava dell’Orvietana, Mercuri del San Sepolcro e Pazzi del Grottammare. A tenere il passo ci sono Piaggio della Pergolese con otto centri, Guidi dell’Urbino, Magi del Cattolica e Spinaci del Pergolese con sette gol.
In Eccellenza è sesta in campionato.La Real Vallesina, tuttavia, deve ringraziare il suo centravanti Cavaliere che ha segnato (11) più della metà delle reti totali (18). Anche l’Acqualagna ha un attacco prolifico. Nonostante si trovi a metà classifica, Fiore e Tonici hanno messo a segno dieci reti a testa considerando le ventitrè complessive. La capolista Maceratese segue con Vagnoni fermo a nove centri e la Jesina con Polverari, otto gol.
In Prima categoria spicca il Comunanza (secondo miglior attacco con 32 segnature dopo la Cuprense), seppur si trovi in bassa classifica, con Piermarini che ha segnato undici volte e Giachini sette volte. Seguono immediatamente Di Filippo dell’Atletico Piceno e Re del Pagliare con dieci gol. Umberto Splendiani (8), Lucidi (6) e Gabrielli (7) della Cuprense hanno messo a segno ventuno reti delle 39 totali. Poco dietro mantengono l’andatura con otto sigilli Agostini e Renis della Sangiorgese, Marini dell’Acquasanta e Mentili del Petritoli. Mentre il Porto d’Ascoli si affaccia con Del Toro a quota sei.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 252 volte, 1 oggi)