Francia 1949. Clément Mathieu, un professore di musica senza lavoro, viene assunto come sorvegliante in un istituto di rieducazione per minori. I ragazzi inizialmente sono diffidenti nei confronti del loro educatore ma poi, grazie al canto, i sospetti si scioglieranno per lasciare spazio alle emozioni. La vicenda viene vissuta attraverso i ricordi di due uomini, ormai in età avanzata, che rammentano la loro infanzia del dopoguerra passata in un collegio dai metodi repressivi. E sarà proprio grazie all’aiuto-guida del loro maestro che i giovani dell’istituto riusciranno a riscoprire la libertà e l’indipendenza all’interno del coro, nonostante questo sia un organismo strutturato dove ciascuno avrà il proprio ruolo prestabilito.
Il film (Francia, 2004, durata 95′) verrà proiettato martedì 1 febbraio presso il cineteatro Calabresi; l’inizio dello spettacolo è previsto per le 21.30. Il costo del biglietto è di euro 4.50 e l’ingresso è riservato ai soli soci FIC, la cui tessera è acquistabile al botteghino al costo di euro 7.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 832 volte, 1 oggi)