De Lucia: stiamo attraversando un periodaccio, ma è in momenti come questi che si vede il carattere di una squadra. La Samb è una squadra che gioca palla a terra ed in un terreno come quello di oggi non siamo riusciti ad imporci. Inoltre, ancora una volta, veniamo bistrattati dalla terna arbitrale. Mengoni mi ha spinto in area e l’arbitro che era a tre metri, non ha fischiato rigore perché si è fidato del guardalinee. Assurdo.
Mengoni: in occasione del fallo di rigore reclamato dai padroni di casa, io e De Lucia ci siamo spinti a vicenda e l’arbitro è stato bravo a non farsi ingannare. Ci tenevamo a vincere per riscattare i nostri tifosi del pesante 5 a 0 che avevano subito lo scorso anno.
Battaglioni: sono molto felice per il risultato, perché con la Samb non avevamo mai vinto. Ho grande rispetto sia per la tifoseria rossoblu, che per il passato calcistico di questa città e non vorrei commentare ulteriormente il risultato. Consentitemi invece di parlare della mia squadra, in cui sette undicesimi provengono dal vivaio. In rosa abbiamo nove giocatori nati nel territorio e l’età media è la più bassa del girone. Sono contento per i miei tifosi, che anche se pochini, quando vogliono riescono a farsi sentire. Come mai la Fermana tutti gli anni finisce nei play out dopo un buon girone di andata? Mi lasci toccare le … per evitare che succeda anche quest’anno!
Taccucci: cercavamo il riscatto dopo Rimini, ma abbiamo rimediato questa brutta sconfitta. Purtroppo in occasione del gol, abbiamo avuto una piccola disattenzione e siamo stati puniti. Sono saltato insieme a Bucchi, ma nessuno dei due ha preso il pallone e la sfera è finita a Smerilli che l’ha buttata dentro. Dopo la defezione di Zanetti, ci siamo ritrovati con una difesa che non aveva mai giocato assieme.
Femiano A.: abbiamo subito due tiri ed un gol. Il campo era pesante, ma non cerchiamo scuse neanche nell’arbitraggio. Dobbiamo stare più concentrati ed in occasione del gol fermano, sia io che Taccucci avremmo dovuto fare qualcosa di più.
Smerilli: sono contento di aver dato alla Fermana la prima vittoria contro la Samb. Non capisco il perché dell’espulsione, visto che avevo avuto un semplice battibecco con il numero 13. Abbiamo gli stessi punti della Samb? Si, ma sicuramente non gli stessi obiettivi. Speriamo di raggiungere il traguardo salvezza dei 41 punti, prima possibile.
Colonnello: abbiamo sciupato due grosse occasioni nel primo tempo, poi tutto è diventato più difficile. In un campo così pesante, di solito, vince chi si porta in vantaggio per primo e così è stato. Non voglio esprimere commenti sull’arbitro perché rischio di essere deferito. Vi rendete conto che era a due metri da De Lucia, stava per dare rigore e non lo ha fatto per dar retta al guardalinee che era a 20 metri?
Mancini: era chiaro che la partita sarebbe stata vinta dal primo che riusciva segnare. Purtroppo il gol degli ospiti è arrivato troppo tardi, non dandoci nemmeno il tempo di provare a recuperare. Come giudico i miei nuovi compagni? Imossibile esprimersi dopo i 90 minuti di oggi. La tifoseria? Fantastica. Spero continueranno ad incitarci perché ne abbiamo bisogno.
Di Bari: sono in comproprietà tra Samb e Fermana. Abbiamo vinto perché eravamo maggiormente determinati. A Natale, prima di fare il brindisi ci siamo riproposti di entrare in campo con più cattiveria. Ci sitamo riuscendo e da quel momento le cose stanno andando meglio.
Chiodini: penso che quella di oggi sia una vittoria storica per la Fermana, perché mi dicevano che contro i rossoblu non si era mai vinto nemmeno in amichevole. Fa piacere aver dato ai tifosi questa gioia, soprattutto dopo il 5 a 0 dell’anno scorso. Sicuramente è stata una motivazione in più per noi.
Scaringella : non si può parlare di disattenzione di un giocatore nell’azione del gol della Fermana. La disattenzione c’è stata da parte di tutti. Oggi ci sono stati dei grossi errori da parte dell’arbitro che ci hanno penalizzato. Il primo nell’occasione del fallo da rigore su De Lucia, il secondo nell’azione del gol della Fermana: Leon aveva subito fallo a centrocampo e l’arbitro ha invertito la decisione. Molte punizione sono state invertite. Per fortuna che ci sono le immagini che possono testimoniare quello che stiamo dicendo.In questa fase facciamo degli errori che ci penalizzano più del dovuto. La squadra, come stiamo dicendo dall’inizio del campionato, è stata allestita per salvarsi ed anche con questi calciatori che abbiamo a disposizione possiamo raggiungere la salvezza. Non abbiamo detto che dobbiamo salvarci due mesi prima. Dobbiamo saper attendere, avere pazienza. Gli ultimi arrivati devono fare esperienza, devono crescere, devono ambientarsi. Bisogna avere pazienza. Dobbiamo fare qualche risultato per sbloccarci. Ad inizio campionato non potevamo immaginarci di trovarci a quota 27 dopo 21 giornate di campionato.
Cotroneo: sono contento per questa bellissima vittoria che è venuta dopo tantissimi anni. Noi ci abbiamo creduto fino in fondo e abbiamo legittimato la vittoria creando un numero maggiore di occasioni da gol. Il risultato odierno è molto importante per la classifica, i tre punti ci fanno raggiungere la Samb a quota 27 e ci permette momentaneamente di allontanarci dalla zona play. Out. La Samb ha reclamato per un presunto fallo da rigore di Micallo su De Lucia,io ero vicino ed ho visto i due ostacolarsi a vicenda. Si sa che in quelle occasioni l’arbitro fischia sempre a favore del difensore.
Smerilli: abbiamo sofferto nel primo tempo la partenza veloce della Samb che ci ha messo in difficoltà, poi man mano che passavano i minuti abbiamo preso posizione in campo ed alla fine, la vittoria mi sembra un risultato giusto dal momento che abbiamo avuto più occasioni noi. Ora non dobbiamo mollare, ci stiamo allontanando dalla zona play-out , ma dobbiamo continuare così. Sono stato espulso per un battibecco con un difensore della Samb, ma tutto è finito lì.
Ceccobelli: Noi lavoriamo sempre con il massimo impegno seguendo alla lettera le istruzioni del Mister ed oggi siamo stati ripagati con la conquista dei tre punti.
Mengoni: le voci di mercato dicono che sono richiesto da alcune formazioni, ma io mi trovo bene a Fermo e ci voglio restare fino alla fine del campionato. Questi tre punti non ci devono far cambiare la nostra mentalità. All’inizio del campionato abbiamo detto che avremmo giocato “ alla giornata? e continueremo a farlo anche adesso. Ho visto una buona Samb che ha giocato al calcio come noi, anche se il terreno di gioco non lo permetteva. Sull’azione del presunto rigore per la Samb ho visto cadere a terra prima Micallo e poi De Lucia, non credo che si possa parlare di calcio di rigore.
De Lucia 2: non so cosa abbiano detto i difensori della Fermana, ma io ci tengo a ribadire che mi ero liberato del difensore, il quale mi ha letteralmente trascinato a terra. Sarei stato un pazzo a non proseguire l’azione ad un metro della porta. Io sono un attaccante e non marco gli avversari, sono oloro che lo fanno. Gli arbitri non ci rispettano più, la nostra è una formazione che non è più simpatica agli arbitri. E’ vero quello che dici che nella ripresa non abbiamo creato occasioni da gol, ma c’è da dire che con un terreno di gioco così, non è facile giocare al calcio.
A cura di Luigi Maria Perotti
e Goffredo Agostini

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 719 volte, 1 oggi)