SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il calciomercato della Samb, dopo i colpi di Leon, Femiano e Mancini, e l’arrivo dei giovani De Lucia, Alberti e Cortelli, non è finito. A partire da domani i dirigenti della Samb saranno presenti a Milano per definire le trattative, in entrata e in uscita, che dovranno concludersi entro il 31 gennaio prossimo.
La squadra, anche se attraversa un momento non positivo dal punto di vista dei risultati, si è evidentemente rafforzata in qualità e quantità e a Milano si cercherà soprattutto di sfoltire la rosa: partirà Irace, in prestito a qualche formazione di C2, e probabilmente De Rosa. Il punto cruciale del calciomercato rossoblù riguarderà comunque l’attacco.
Per Vidallè ci sono richieste sia in Serie C1 che C2 (Acireale, Sora, Taranto), ma la Samb se ne priverà soltanto se arriverà, in contropartita, un attaccante di spessore. Nei giorni scorsi è circolata anche voce che Bogliacino potrebbe essere ceduto fin da subito al Cagliari in cambio di un attaccante, ma questa ipotesi contrasterebbe con la decisione della società, confermata fino ad ora con i fatti, di non cedere alcuno dei gioielli rossoblù nel calciomercato di gennaio.
Nel pomeriggio di oggi è stato presentato alla stampa l’ultimo acquisto Francesco Mancini, portiere classe 1968 arrivato dal Pisa in cambio di Di Dio. Mancini ha un contratto fino a giugno con opzione a favore della Samb per il campionato successivo.
“A Pisa non c’erano i presupposti per continuare dal punto di vista tecnico?, dichiara Mancini, portiere che è stato protagonista dell’epopea di Zeman a Foggia, intepretando il ruolo del portiere nel modo più moderno. “Lo scorso anno è andata bene, ma alcuni problemi sono sorti da luglio?.
Mancini, che la Samb ha prelevato dal Pisa vincendo la concorrenza della Ternana, afferma scherzosamente che ha preferito la Samb perché “mi trovo più vicino alla mia Matera?: è arrivato a San Benedetto nella mattinata dopo essere partito da Pisa nella notte di ieri, ed oggi ha avuto modo di allenarsi per la prima volta con i compagni.
Mancini ha precisato che è venuto a San Benedetto per mettersi nella più completa disponibilità di mister Ballardini. “So che il portiere titolare Spadavecchia è infortunato, ma dopo venti anni di carriera ho imparato qualcosa, e quindi mi alleno per dare il meglio di me stesso.?
Gabriele Mastellarini, nel presentare Francesco Mancini, ha puntualizzato lo sforzo che la società sta compiendo con gli ultimi acquisti: “Dopo aver assicurato il pagamento di tutto quanto dovuto alla famiglia Gaucci, non ci stiamo tirando indietro e la tempestività con cui abbiamo effettuato quest’ultima operazione lo conferma. Ci terrei che i tifosi lo capissero, al di là di qualche mugugno che si sente negli ultimi tempi, e che già contro la Fermana potessimo sentire il loro solito calore.?
ALLENAMENTI. La squadra oggi si è allenata al coperto, presso gli impianti sportivi della Sportland di Grottammare. Primo allenamento anche per il neo rossoblù Francesco Mancini. Assenti ancora per infortuni e risentimenti Tedoldi, Pompei e Spadavecchia. Alfredo Femiano ha accusato qualche linea di febbre mentre Colonnello si è ristabilito. Vidallè invece questa mattina ha lavorato a parte in palestra. Domani la Samb giocherà a Porto Recanati, contro la Recanatese, in un impianto in erba sintetica. I rossoblù si ritroveranno per la partenza alle 9:30.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 664 volte, 1 oggi)